PCTO / Al “Ferraris” di Acireale il secondo posto al contest sul valore della sicurezza

0
180
PCTO-istituto Ferraris Acireale

PCTO è l’acronimo di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. Il Contest/PCTO – Il valore della sicurezza ha visto sul podio dei vincitori alunni dell’istituto Ferraris di Acireale.
Il Contest arriva a valle dell’omonimo PCTO  organizzato da IIS in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale Toscana  e Anpal Servizi Toscana.
Un percorso unico nel suo genere che attraverso la metodologia della Peer Safety Education  punta ad accrescere la Cultura della Sicurezza e la Consapevolezza del Rischio tra le nuove generazioni.

Un occhio particolare allo sviluppo delle Soft Skill ed agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 che ha raccolto oltre 3000 studenti, di scuole secondarie di secondo grado, di diversi indirizzi.
La giuria, composta da manager ed esperti di settore, ha selezionato i finalisti attraverso una valutazione dei progetti. E ha tenuto conto sia della qualità ed originalità dei materiali che della capacità di divulgazione e coinvolgimento.

I ragazzi del Ferraris si sono classificati al secondo posto su 150 classi

Il Ferraris secondo al Contest PCTO

L’istituto superiore Galileo Ferraris ha partecipato ed ha ottenuto il secondo posto tra 150 classi, con il progetto ”Rischi nei laboratori scolastici”. Il prof. Agatino Maugeri, tutor del progetto, ha partecipato con l’intera classe IV Aen, oggi quinta. La classe appartiene alla specializzazione di Meccanica Meccatronica ed Energia le cui competenze finali sono sulle macchine, materiali e dispositivi utilizzati sia nelle industrie che negli impianti di installazione e manutenzione di sistemi meccanici ed elettromeccanici nel campo dell’energia.

Sin dalle prime lezioni gli studenti hanno realizzato il team di lavoro suddiviso in vari sottogruppi in funzione delle capacità individuali ed organizzative dei singoli componenti. Tra gli alunni è stato individuato un responsabile di progetto e dei facilitatori che, assieme al responsabile, hanno favorito la cooperazione e l’aiuto ai sottogruppi.

Scopo del progetto far nascere la coscienza della sicurezza

Il team di lavoro si è dato subito delle regole, già collaudate per altri lavori di gruppo della classe. E ha lavorato in armonia ed in modo efficace.  Attraverso vari brainstorming  (raccolte di idee) si sono individuati più idee progettuali, ma il rischio nei laboratori scolastici è stato scelto perchè riguarda ambienti conosciuti e  frequentati durante le ore di lezioni. Il progetto prevede, inoltre, la divulgazione della sicurezza nei laboratori, agli studenti del primo biennio.

Il progetto si è posto l’obiettivo di far nascere la coscienza della sicurezza negli studenti più piccoli, quando frequenteranno i laboratori. Nel progetto si  sono presi in considerazione i seguenti rischi: chimico, macchine utensili, videoterminali, elettrico, incendio, rumore, microclima. Si sottolinea, inoltre, la segnaletica di sicurezza e i vari DPI. Nello sviluppo dei vari argomenti, gli studenti, hanno scelto un approccio semplice ed essenziale per essere facilmente recepito dagli alunni del biennio. Queste particolarità hanno portato gli esperti a scegliere la IV Aen del Ferraris come vincitrice del secondo posto, in Italia, tra i partecipanti.

Mariella Di Mauro

Print Friendly, PDF & Email