Plastic Free / Raccolte nonostante il maltempo

Neanche il maltempo ha fermato i volontari di Plastic Free, entrati in azione a Catania nei giorni di tregua dall’allerta. Colpita da alluvioni e frane, la città è stata invasa, oltre che da fango e detriti, anche dai rifiuti. L’associazione non ha esitato a scendere in campo per dare un aiuto prezioso alla città. Anche il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, hanno ringraziato i tanti volontari che, rimboccandosi le maniche hanno dato una mano dopo il disastro.

Plastic Free / Dopo il maltempo Catania ha bisogno d’aiuto

Il maltempo e le piogge hanno messo in difficoltà la città di Catania, ma i volontari di Plastic Free non si sono tirati indietro. Nella giornata di tregua dalle piogge, Rosangela Arcidiacono, una delle referenti della città di Catania, ha lanciato un invito ai cittadini. “Catania ha bisogno d’aiuto” ha scritto sul suo profilo Facebook. Nel giro di poche ore ha organizzato una raccolta lampo nella zona della pescheria, una delle più colpite della città. All’appuntamento di giorno 27 ottobre per le 14, a Porta Uzeda, si sono presentati i volontari più temerari per un primo turno di pulizia. Vedere la propria città ridotta in quello stato non è stato di certo confortante. Una grande quantità di rifiuti si è purtroppo riversata in mare, causando gravi danni all’ecosistema. Ma guardando al lato positivo, il lavoro dei volontari ha evitato che una quantità altrettanto ingente facesse la stessa fine.

plastic free catania maltempo volontari pescheria

Catania / I rifiuti invadono la città

Con le discariche piene e il sistema di raccolta rallentato, la città è stata invasa dai rifiuti. Cassonetti pieni come risultato di un sistema inefficace e spazzatura che invade le strade. Già nei giorni precedenti all’arrivo dell’uragano Apollo l’emergenza rifiuti era sotto gli occhi di tutti. La grande quantità d’acqua caduta in poche ore ha trascinato i rifiuti, intasando tombini e caditoie. Al di là dei problemi di amministrazione comunale, l’appello di Plastic Free vuole risvegliare le coscienze dei cittadini.

“Non sporcare è più facile che pulire” è uno dei tanti motti dell’associazione impressi nei cartelli che, solitamente, i volontari affiggono dopo ogni intervento. Anche un mozzicone di sigaretta può fare la differenza. A noi non costa nulla smaltirlo correttamente, ma per il pianeta può significare tanto. Basta fare appello al proprio senso civico per dare un importante contributo. Sarebbe un’occasione da non perdere per dare un volto nuovo al proprio territorio.

Maltempo / Gli eventi Plastic Free

Un altro evento di raccolta per la città era stato organizzato giorno 30 ottobre. Tuttavia l’allerta rossa lanciata dalla Protezione Civile ha costretto i volontari a fare un passo indietro. L’evento organizzato dai referenti di Catania è stato rimandato a giorno 6 novembre. L’appuntamento a Piazza dei Martiri alle ore 9.30 è aperto a tutti coloro che vorranno partecipare. Basta registrarsi tramite l’apposito link, attrezzarsi di guanti da lavoro e buona volontà.

Nel frattempo però in altre zone d’Italia, compresa la Sicilia, Plastic Free continua portando avanti gli stessi ideali. Nella giornata di domenica 31 ottobre, ad esempio anche a Scicli in provincia di Ragusa, il referente Giorgio Tudisco ha organizzato un evento di raccolta. Anche qui nella tregua dall’ondata di maltempo, un piccolo gruppo di volontari ha raccolto un importante quantità di rifiuti. Circa trenta sacchi tra vetro, (tanta) plastica e indifferenziata.

plastic free scicli maltempo

Il messaggio di Plastic Free

L’associazione ha a cuore il futuro del pianeta. Per questo il suo impegno più grande lo spende nelle campagne di sensibilizzazione. Maggiore sarà il numero di persone che abbracceranno la causa, più alta sarà la possibilità di avere un Pianeta sano in futuro. Solo un impegno costante darà i suoi risultati. “Se realmente tutti conoscessero le conseguenze dell’abuso della plastica monouso ci sarebbero meno vittime, soprattutto tra la fauna marina.” È il messaggio che Plastic Free ha voluto condividere sui social in occasione dei festeggiamenti di Halloween di quest’anno. L’inquinamento da plastica sì che fa davvero paura.

Mariachiara Caccamo

Print Friendly, PDF & Email