Randazzo / La premiazione del concorso letterario ispirato al Santuario Madonna di Fatima del parco Sciarone

Hanno trattato l’aspetto storico, religioso ed ambientale del santuario di Nostra Signora di Fatima, sito all’interno del parco Sciarone di Randazzo, gli elaborati partecipanti al concorso letterario, realizzato a tema per la sua prima edizione.
La premiazione si è svolta proprio nella cornice naturale del parco, a cielo aperto, tra il  silenzio che accompagna il sito, la vegetazione spontanea, le numerosi macchie sparse dei ciclamini, tipici del periodo, che ne rendono unico  lo scenario.
L’iniziativa è stata organizzata dalla Fondazione “Spartà Santo Carmelo”, di Randazzo, per dare la possibilità di cimentarsi in questo argomento ai giovani ed agli studenti.
“Abbiamo realizzato l’iniziativa rendendola accessibile ai ragazzi, a chi è già laureato, a chi ha avuto voglia di mettersi in gioco in questa tematica, coinvolgendo più partecipanti possibile, divulgando, nello stesso tempo, il pensiero in onore alla Madonna di Fatima”, ha affermato don Santino Spartà, presidente dell’associazione organizzatrice. La statua della Madonna, infatti, primeggia, nella cappelletta all’aperto, come punto di devozione all’interno del parco.
Questi i premiati, in ordine alfabetico: Giorgio Caggegi, Ludovico Camarda, Mattia Cantali, Mario Consalvo, Morgana Dilettoso, Gabriella Magro, Maria Palermo, Valentina Sgroi, Federica Spartà.
I loro elaborati hanno analizzato il santuario silvestre nei suoi molteplici aspetti, data la possibilità che il luogo offre di sito naturalistico, di luogo ludico ed anche di culto religioso, essendovi le quindici stazioni della Via Crucis, il Calvario, con le statue a grandezza d’uomo del Cristo e della Vergine Addolorata, la cappella, l’altare in pietra lavica ed il Rudere delle confessioni. Proprio l’area di culto è stata realizzata da don Santino Spartà per offrire un punto di preghiera, raccoglimento e spiritualità ai fedeli.

Rita Messina