Ricordo / Si è spento Carlo Calì, fine politico popolare giarrese che inventò la “Festa dei fiori” e il “Garofano d’argento”

Giarre piange un altro dei suoi figli che hanno saputo dare lustro e fama alla cittadina ionico-etnea.
Si è infatti spento, all’età di 89 anni, il dott. Carlo Calì, più volte assessore e consigliere comunale (legato all’on. Giuseppe Russo) ma soprattutto indiscusso e lungimirante “patron” della “Festa dei Fiori”, un appuntamento che per tantissimi anni promosse a livello nazionale Giarre, la sua floricultura, le sue imprese, spesso citata non solo nelle cronache ma anche in convegni e riviste specialistiche, e soprattutto gemellata con importantissime realtà italiane del settore, come ad esempio Pescia.
La disponibilità e la generosità di Carlo Calì, più volte definito “vulcanico” da chi scrive, andava di pari passo con la sua simpatica irruenza e la competente lungimiranza. Magari a qualche invidioso il suo carattere, eclettico e schietto, non andava proprio a genio, ma chi ha avuto il piacere e l’onore di conoscerlo non può che serbarne un ottimo ricordo: Carlo era l’amico di tutti!
L’istituzione, in parallelo alla Festa dei Fiori, del premio nazionale “Garofano d’argento” (che prosegue con successo), consentì a Calì di portare a Giarre personaggi di fama anche internazionale nel settore della floricultura, e di promuovere il comparto valorizzando prodotti ed imprese, in particolare siciliane.
L’istituzione di una borsa di studio per giovani giornalisti (ne usufruì anche il sottoscritto) rappresenta l’ennesima conferma della visione  per nulla provinciale che il nostro ebbe per un mondo, quello dei mass media, che Carlo teneva in altissima considerazione.
Le sincere condoglianze di noi tutti alla famiglia ed in particolare ai figli ed amici Carmelita, Anna e Salvo. Il “vulcanico papà” vi proteggerà dal Cielo!
Il rito funebre si terrà domani 19 gennaio alle ore 11 nella chiesa Regina Pacis di Giarre.

Mario Vitale

 

Print Friendly, PDF & Email