Santa Venerina / Alla festa della Solidarietà gli amministratori comunali servono ai tavoli: la politica al servizio della comunità

E’ calato il sipario sulla II edizione della Festa della Solidarietà organizzata dal comune di Santa Venerina in collaborazione con le Comunità Papa Giovanni XXIII e Madonna della Tenda, con il Centro di Aiuto alla Vita, con la Caritas Italiana  e l’O.N.A.O.M.A.C. (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri). Grande spazio è stato dato alle realtà che si occupano di volontariato e operano sul territorio contribuendo a combattere notevoli situazioni di disagio sociale che negli ultimi anni sono aumentati. “Un modo – ha tenuto a sottolineare il sindaco Salvatore Greco – per raccogliere fondi ed aiuti da destinare ai più deboli attraverso le strutture di volontariato  e  di solidarietà presenti sul territorio”.
La manifestazione ha preso il via sabato sera, nel centro sportivo di Dagala, con la partita di calcio a 7, che ha visto in campo la  cosiddetta “squadra politica” composta da esponenti di maggioranza e opposizione,  contro la squadra dei Carabinieri. Il match ha  regalato momenti di vero spettacolo ma alla fine il risultato è netto. Carabinieri battono politici 4-1.

"A tavola insieme", cena della solidarietà
“A tavola insieme”, cena della solidarietà

A seguire, nel Salone parrocchiale di Dagala del Re, si è svolta l’iniziativa dal titolo: “E’ un bicchiere di vino con un panino la solidarietà”,  con la preparazione di panini con salsiccia, crepes e pesca,  a cura della Caritas Interparrocchiale.

La domenica  mattina,  in piazza Regina Elena, si è svolta “La fiera del dolce, mercatino solidale dell’artigianato e banco alimentare” in cui sono stati raccolti fondi e generi alimentari da destinare alle esigenze delle comunità.

Per concludere, la sera, presso la Comunità Madonna della Tenda di Cristo in via Patellazza, “A tavola insieme”: cena della solidarietà con antipasti e giro pizza a cura della stessa comunità ospitante, in cui gli amministratori e i consiglieri comunali in grembiule, come già sperimentato nella prima edizione, hanno servito ai tavoli. Un gesto simbolico volto a rappresentare il senso della politica che deve essere a servizio della comunità così come sottolineato dal sindaco Salvatore Greco: “Consideriamo una grande ricchezza la presenza di queste associazioni e comunità nel nostro territorio. Abbiamo accolto con entusiasmo l’idea di organizzare tutti insieme. La gente ha risposto con entusiasmo all’iniziativa e in tanti hanno offerto fondi e beni di prima necessità  per dare risposta a chi ha bisogno”.

Tanta solidarietà da una parte e tanto entusiasmo dall’altra,  fanno ben sperare per le prossime edizioni di una manifestazione che, già al suo secondo anno di vita, ha riscosso un incoraggiante successo.

 

Antonio Sorbello

Print Friendly, PDF & Email