Spettacoli / Fabio Concato in concerto il 2 novembre a Catania

0
84
Fabio Concato, banner

Ci si aspetterà di sentire quei pezzi intramontabili cantati con continuità generazionale: Guido piano, prima fra tutte. Ma anche i successi più recenti, facilmente acquisiti dal pubblico, quale L’aggeggino, singolo degli ultimi anni. Ed ancora canzoni nostalgiche, romantiche, quelle dalle melodie jazz e dalla tematica sociale come L’umarell. Quest’ultima nata in quarantena.

Ci si aspetterà questo ed ancor più dal concerto di Fabio Concato a Catania. Il cantautore milanese sarà al teatro Metropolitan il 2 novembre alle 21,30. L’appuntamento, organizzato e promosso da Eventi Olimpo, costituirà tappa del tour Musico Ambulante.
La sua musica è condotta in giro con un mix di componenti, udibili all’ascolto e tradotti in vasti campi semantici. Anche in Sicilia sarà protagonista. Fabio Concato
Figlio d’arte, ha dialogato con continuità nel tempo con la musica. Il padre, chitarrista e autore jazz, i nonni dediti alla lirica. Il cognome Concato è quello della nonna paterna.
Le sue canzoni raccontano sentimenti, emozioni, situazioni quotidiane. Riscontro dal pubblico. Il premio Tenco del 2022 lo racconta. A testimoniare la sua longeva carriera il quarantesimo anniversario di Domenica Bestiale, del 1982. Le si affianca, nella resistenza cronologica Fiore di maggio, del 1984. Classici da cui non ci si separa, che tornano sempre fra i ritornelli più eseguiti. Con Rosalina, dello stesso anno il ritmo si fa più brioso, come in O Bella Bionda del 2018. Un’altalena di romanticismo e bollicine, tra M’innamoro davvero del 1999 e Sexy tango, del 1982.

I testi delle sue canzoni sono espressivi, in qualche caso poetici. La musica è anche poesia. Il connubio in Fabio Concato è evidente. Lo stesso connubio, musica e parole, che è caratteristico dei suoi concerti. A Catania si esibirà con Ornella D’ Urbano al piano e alle tastiere, Stefano Casali al basso, Larry Tomassini alla chitarra, e Gabriele Palazzi alla batteria. La sua squadra di musicisti. Spazio all’immaginazione per la serata di spettacolo “ambulante”.

Rita Messina

Print Friendly, PDF & Email