Storia / Rivoluzione siciliana del 1848: i Siciliani contro l’assolutismo

0
52
Rivoluzione siciliana del 1848 i Siciliani contro l'assolutismo

I Vespri Siciliani non sono stati l’unica volta in cui i Siciliani hanno cercato, con la violenza, di scegliere il proprio destino. Anzi, la Sicilia vanta più di diversi tentativi in merito, ma nella storia contemporanea il più significativo è senz’altro la Rivoluzione del 1848. Il 1848 è l’anno dell’ondata dei moti rivoluzionari che interessarono l’Europa e presero il nome di Primavera dei popoli. Animati da un spirito liberaldemocratico, i popoli si ribellarono alle vecchie monarchie assolute e portarono alla nascita di stati-nazione indipendenti. La rivoluzione siciliana fu la prima a scoppiare in Europa.

Storia / Sicilia oppressa sotto i Borbone 

Il Congresso di Vienna aveva sancito un nuovo equilibrio internazionale post-Napoleonico, cercando quindi di garantire che le conquiste rivoluzionarie venissero limitate o eradicate in nome del vecchio ordine. In realtà non era così semplice, rispetto a quanto si credeva sulla carta, tornare indietro.

Sebbene considerati una potenza singola, il regno di Sicilia e di Napoli erano autonomi, o almeno fino al 1816. In quell’anno vennero soppresse le autonomie dei due regni, facendo nascere il Regno delle Due Sicilie. Nello specifico della Sicilia, l’isola era rimasta sotto i Borbone, i quali l’avevano lasciata in uno stato di degrado o abbandono. Il governo borbonico, negli anni non aveva fatto altro che accrescere il malcontento popolare. Le sommosse anti-borboniche del 1820-1821 e la rivolta popolare del 1837 ne furono un chiaro esempio. In entrambi i casi, i Borbone sedarono le rivolte con metodi brutali e oppressivi.rivoluzione siciliana

Storia / Le cause della rivoluzione siciliana 

Economicamente, l’isola era povera di risorse con un’economia arcaica, e i pochi tentativi di industrializzazione erano gestiti (a fronte di enormi rischi) dagli inglesi o da alcune famiglie locali fortunate come i Florio. Oltremodo l’isola ospitava grandi giacimenti di zolfo, ma la mancanza di infrastrutture non garantivano il suo pieno sfruttamento. Quindi, nonostante l’abolizione del feudalesimo nel 1812, nell’isola primeggiava sempre e comunque la grande proprietà terriera, con grande povertà dei ceti bassi. Il ’48 Siciliano era quindi il risultato di decenni di impoverimento economico e politico. Borghesi, aristocratici e ceto basso avevano di che guadagnare ribellandosi nuovamente, e stavolta come mai era accaduto nella storia del neonato regno, rivendicando persino l’indipendenza.

Storia / Lo scoppio della Rivoluzione siciliana 

Tutto iniziò il 12 gennaio a Palermo (data che non a caso coincise con il compleanno di Ferdinando II), ma già da tre giorni prima, manifesti e volantini incitavano i Siciliani alla rivolta. Vari amministratori ed esponenti dell’aristocrazia presero le redini di un moto popolare, cacciando la guarnigione della città. Da lì la rivolta si diffuse nei dintorni e nelle altre 100 città siciliane tra cui Catania, Messina, Caltanissetta.

Ferdinando II cedette la possibilità di ripristinare la Costituzione precedente (del 1812) ma i rivoluzionari, forti della galvanizzante vittoria, desideravano maggiori garanzie. Fu istituita una guardia nazionale e a tutti gli effetti la Sicilia divenne uno stato indipendente. Riaprì il Parlamento e vennero indette pubbliche elezioni. Il Parlamento era scelto da un elettorato in base al censo, venivano quindi escluse le masse povere e analfabete. Formato da aristocratici e benestanti, era presieduto da Ruggero Settimo.

Storia / La Rivoluzione conservativa 

Ne scaturì quindi che la rivoluzione divenne via via più conservativa, tesa alla stabilità tramite il compromesso tra borghesia e aristocrazia, ma senza avanzare sul piano di qualsiasi altra riforma. La partecipazione popolare e quindi la trasformazione liberale del nuovo stato, o peggio l’attuazione di idee radicalmente rivoluzionarie erano precluse. Nonostante questo, il moto fu in stretta relazione con tutti quelli moti italiani che portarono alla prima guerra d’indipendenza italiana (1848-49), i quali resero vana la mediazione inglese intenta a fare accettare ai rivoluzionari le sempre più generose concessioni di Ferdinando II.

Storia di una Rivoluzione siciliana / I bombardamenti a Messina 

Ma la guerra d’indipendenza finì presto, e disastrosamente. Con essa tramontarono temporaneamente qualsiasi speranza di successo rivoluzionario, e con la fine dei moti lungo l’intera penisola vi era anche l’imminente epilogo della vicenda siciliana. A tardare l’offensiva vi fu l’intervento della mediazione inglese, la quale ottenne un armistizio di 6 mesi in coincidenza dei primi bombardamenti a Messina, nel settembre del 48’ (ciò a salvaguardia dei propri investimenti nell’isola). Nonostante tale tempo la guardia nazionale non si organizzò.

Nel 1849 l’isola, a causa dell’indecisione politica e della paralisi amministrativa, era stata lasciata in mano alla criminalità e a una quasi anarchia già da molti mesi, spingendo le masse a desiderare un ritorno all’ordine. Di conquiste terriere e sociali per i ceti poveri, gli unici che potevano sovvertire le sorti, nemmeno l’ombra; un disperato tentativo da parte del regno di evitare la conclusione fu la proposta di incoronare un Sabaudo, e legarsi così al Piemonte, anch’essa rifiutata dagli stessi Savoia.

Storia / Il continuo della rivoluzione nella spedizione dei Mille 

Dopo una resistenza eroica Messina cadde agli inizi del 49’, seguita poi da un ultimo tentativo disperato a Catania. Da lì in poi l’esercito Borbonico penetrò nell’isola senza incontrare opposizione fino a maggio, quando cadde Palermo l’ultimo baluardo della rivoluzione. La rivoluzione del 1948 finiva lì dove era iniziata. Il governo Borbonico ripristinò l’assolutismo, ristabilendo l’ordine precedente e rinnovando nuovamente l’insofferenza popolare, la stessa insofferenza che un decennio dopo avrebbe dato modo ai capi rivoluzionari, esiliati, di vendicarsi con la spedizione dei Mille.

Giuseppe Emanuele Russo

Print Friendly, PDF & Email