Aci Sant’Antonio / Due nuovi ingegneri per la ricostruzione post sisma del 2018

Ad Aci Sant’Antonio due nuovi ingegneri, Giuseppe Lorenzo Blanco e Giovanni Crinò, hanno posto la firma sui contratti a tempo determinato, approntati su mandato commissariale. I contratti riportano la scadenza del 31 dicembre 2021, a meno di proroghe.

Ad Aci Sant’Antonio due nuovi ingegneri

Una nota del Comune spiega che si tratta di due dei quattro nuovi professionisti, che si aggiungono alle figure già presenti, per dare man forte nella gestione tecnica inerente la ricostruzione a riguardo del sisma di Santo Stefano 2018.

Da sinistra: l’arch.Lauria, il sindaco Caruso e il commissario Scalia

Insieme al sindaco Santo Caruso erano presenti l’assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Scuderi, il responsabile del VI Settore, Vincenzo Lauria, e alcune figure professionali dell’Ente.
Presente anche  il Commissario Straordinario per la ricostruzione dell’area etnea, Salvatore Scalia.

Il commissario Scalia: con i due nuovi ingegneri sprint alla ricostruzione

“I Comuni sono il punto centrale della ricostruzione – ha commentato. Purtroppo il personale a loro disposizione era pochissimo, ma siamo riusciti a fare inserire questa norma che consente l’assunzione di personale a tempo determinato.
Ora che il Comune di Aci S. Antonio è riuscito ad effettuare le assunzioni,  speriamo che, appena arriveranno tutte le pratiche, con l’aiuto di questo personale  riusciremo a dare avvio con uno sprint alla ricostruzione”.

Caruso ha evidenziato l’importanza di questo passaggio. “Si tratta di un momento di continuità, e con queste assunzioni  daremo risposte immediate ai cittadini che faranno richiesta attraverso i nostri uffici per avere il contributo per la ricostruzione.
Ricordo a tutti gli interessati che la scadenza è il 30 giungo 2021, e spero che giungano più richieste possibili.

due-ingegneri-aci-santantonio
La consegna del badge dell’Ente

“Ringrazio il dottore Scalia– ha continuato – perché la sua presenza costante funge da pungolo e ci spinge a portare avanti con maggiore efficacia tutte le iniziative necessarie a superare il doloroso episodio del terremoto.

“Quello di oggi è un momento importante – ha concluso – ed è giusto mettere in evidenza il lavoro di chi fino ad ora ha seguito le pratiche. I quattro professionisti che hanno curato questa parte di passaggio fino all’arrivo delle assunzioni di adesso. Noi siamo quindi pronti a dare risposte, e speriamo che i cittadini possano arrivare a chiedere quello che è dovuto”.

Print Friendly, PDF & Email