Acicatena / “Ciceroni in erba” hanno guidato la “notte delle chiese”alla scoperta del patrimonio artististico

0
136
notte delle chiese ad Acicatena

Venerdi 7 giugno anche la città di Acicatena ha preso parte all’evento nazionale a cura delle diocesi italiane: La lunga notte delle chiese, dando visibilità alle bellezze presenti nel territorio catenoto. Una straordinaria occasione per far conoscere meglio l’enorme patrimonio storico, artistico e culturale, che lungo i secoli ci è stato consegnato.

L’evento, fortemente voluto dalla Pro Loco di Acicatena, con il patrocinio del Comune, era stato presentato venerdì 31 maggio scorso, in una partecipata conferenza stampa nella cappella Riggio di Campofiorito. All’incontro con la stampa locale avevano parteciperanno tra gli altri, la sindaca Margherita Ferro, e il presidente del consiglio comunale Massimo Suaria. Poi, il dirigente scolastico dell’I.C. “S. Scandura” prof. Roberto Maniscalco, l’ins. Alfia Pennisi, presidente della Pro Loco di Aci Catena. E anche don Arturo Grasso, direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi di Acireale e della CESi e la dott. Giusi Maria Oliveri, responsabile della formazione delle guide.

Acicatena-presentazione-notte-delle-chiese
La presentazione dell’evento

Acicatena, la “notte delle chiese” alla scoperta del patrimonio artistico locale

I tanti ragazzi coinvolti appartengono alle scuole del territorio catenoto. Cioè gli istituti comprensivi “Sebastiano Scandura” e “Francesco Guglielmino”, insieme al Circolo Didattico “Emanuele Rossi”.
Mentre le chiese coinvolte nel progetto e visitabili erano quelle di San Giuseppe, Santi Elena e Costantino, Santa Lucia, il Santuario Matrice e la Basilica di San Filippo d’Agira. La conferenza stampa ha offerto anche l’occasione per consegnare ai ragazzi i tesserini di riconoscimento come guide.

Il 7 giugno, alle ore 19.00, ha aperto l’evento una cerimonia che si è tenuta sulle scale del palazzo di Città. Nell’occasione si è voluto ricordare il poeta catenoto Michele Pricoco attraverso la lettura di una sua poesia, dal titolo Unni ju nascii.
A seguire la presentazione delle guide e via all’itinerario alla scoperta del patrimonio artistico. Un’ occasione unica per avvicinare ai Beni culturali i tanti visitatori e gli stessi cittadini catenoti che vivono nel territorio di Acicatena, ma che, il più delle volte, sconoscono l’enorme patrimonio storico in esso presente.Acicatena, notte delle chiese

I piccoli “ciceroni” guide impeccabili

Durante tutta la serata i “piccoli ciceroni” hanno accolto con gioia ed entusiasmo i tanti visitatori. E accompagnandoli, quasi per mano, hanno fatto conoscere questi importanti luoghi di culto e i loro monumenti. Ne hanno raccontato la storia, mostrandone i capolavori e proponendo un’esperienza che non dimenticheranno.

Una vera opportunità per valorizzare i luoghi dove si è scelto di abitare, che sicuramente aiuterà ogni cittadino catenoto a riscoprire l’identità storica e culturale di un territorio ricco di tanta bellezza.
«Riteniamo – ci dice l’ins. Alfia Pennisi, presidente della Pro Loco di Acicatena – che la conoscenza del proprio territorio sia di fondamentale importanza. Soprattutto oggi che le generazioni più giovani tendono a vivere il loro tempo nei “non luoghi” del web e dei social, il rischio di perdere il contatto con le realtà oggettiva degli spazi che ci circondano potrebbe diventare serio. E lo è ancora di più per un territorio come quello nostro ricco di tanta storia».

                                                                                                  Giovanni Centamore

 

Print Friendly, PDF & Email