Acireale / Carenza di loculi: tavolo di concertazione tra il comune e la ditta che gestisce il cimitero

0
62
tavolo di concertazione sul cimitero di Acireale

Si è aperto un tavolo di concertazione tra il Comune di Acireale e la San Sebastiano Srl, ditta che gestisce in project financing il cimitero di Acireale.
Una nota della portavoce del sindaco spiega che il segretario generale Giuseppe Scilla ha convocato  una riunione operativa in Sala Giunta a Palazzo di Città per dare seguito all’atto di indirizzo dell’assessore ai Servizi Cimiteriali Giuseppe Vasta.

Al tavolo hanno preso parte l’amministratore delegato Franco Musumeci e i rappresentanti della San Sebastiano Srl, il sindaco Roberto Barbagallo. Anche l’assessore ai Servizi Cimiteriali Giuseppe Vasta, il presidente della III commissione consiliare Enzo Di Mauro e il dirigente dell’Area Tecnica Andrea Giudice.

Nell’atto di indirizzo siglato dall’assessore Vasta si chiede la convocazione di una riunione operativa per discutere sulla possibilità di modifica del Project Financing. La modifica consisterebbe nella trasformazione delle previste cappelle, da gentilizie (private) a cappelle pubbliche. Ciò “considerata la penuria di loculi nel cimitero comunale, e la previsione nel Project Financing di Cappelle gentilizie (familiari). Inoltre, data l’onerosità nell’acquisto dell’area e realizzazione dell’opera da parte dei privati, ancora ad oggi le aree destinate a cappelle gentilizie risultano invendute. Questo determina un danno sia economico, ma soprattutto di disponibilità di loculi”.cimitero Acireale

Nel cimitero di Acireale reperire spazi per sopperire alla carenza di loculi

Come Amministrazione – spiega il sindaco Roberto Barbagallocondividendo la proposta della III commissione consiliare, abbiamo fortemente voluto avviare un’interlocuzione con gli uffici e la ditta per valutare la possibilità di rimodulazione del Project. Quello che chiede l’Amministrazione è pensare alla rifunzionalizzazione di un Project avviato nell’ormai lontano 2013. Mancano quindici anni alla scadenza e credo che Comune di Acireale e San Sebastiano siano nelle condizioni di muoversi in sinergia.

Abbiamo chiesto agli uffici e alla ditta di verificare la possibilità di recuperare degli spazi, perché c’è e ci sarà il problema della carenza di loculi. E la San Sebastiano si è mostrata assolutamente disponibile. Sarebbe inoltre importante poter sfruttare le aree attualmente dismesse o abbandonate. La ditta e gli uffici proveranno a verificarne la fattibilità, secondo quanto previsto dal Project.  Perché questo consentirebbe un incremento importante dei posti e la realizzazione del forno crematorio.  Servizio, questo, che oggi costringe tanti cittadini acesi a spostarsi nei Comuni limitrofi”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email