Acireale Calcio / Fasone: sogno infranto ma stagione salva

Il direttore generale dell’Acireale Calcio, Giuseppe Fasone, ha fatto chiarezza in merito al tormentato momento della società.

Sogno infranto

Dopo l’amara sconfitta di domenica scorsa contro l’ACR Messina, l’Acireale calcio ha praticamente abbandonato il sogno promozione. Solo l’ultima la conferma di una crisi che da settimane ormai affligge l’ambiente. Dopo la netta vittoria casalinga contro il Troina infatti, i granata, sconfitti dal città di S.Agata e dalla capolista, sono scivolati al quarto posto in classifica. La vetta dista ora undici punti.

La crisi

Il periodo buio dell’Acireale è determinato dalla discontinuità di risultati. Le tante vittorie tra le mura amiche non sono servite a concretizzare il sogno granata, infrantosi a causa delle troppe sconfitte rimediate in trasferta. Sconfitte che hanno portato alcuni esponenti della tifoseria organizzata a polemizzare contro la società. In particolare, gli affezionati granata si sono scagliati sopratutto contro l’ormai ex allenatore, Giuseppe Pagana.

Acireale Calcio: il messaggio di Fasone

Nella lunga conferenza stampa, svoltasi presso la sede societaria di via Fabio, il direttore generale ha riassunto gli anni di gestione del club. Periodi difficili si sono alternati a momenti di gloria, ha spiegato. Merito anche delle risorse messe in campo da amici, soci e sponsor di cui si conoscono nomi e cognomi. Fasone ha apertamente dichiarato ai tanti giornalisti presenti che niente di quanto realizzato sarebbe stato possibile senza il sostegno economico dell’impenditore Giovanni Alì, che non ha esitato a definire “patron dell’Acireale”.

Il sogno infranto dei tifosi

Dopo la polemica nata con alcuni membri della tifoseria organizzata, Fasone ha cercato di stemperare gli animi. Ha tenuto a sottolineare come non vi siano strascichi in merito a quanto successo e che le dicerie circolate circa i conti della società non siano da tenere in considerazione. “Io sono il primo dei tifosi – ha affermato in diretta streaming. – I rimborsi ai calciatori di Gennaio e Febbraio sono stati versati, così come le quote per il pagamento degli affitti per gli appartamenti in cui attualmente si trovano”. Acireale Calcio Fasone direttore generale

Il futuro dell’Acireale

“Senza gli incassi della domenica, senza riscuotere tutte le quote per gli abbonamenti sottoscritti e con soli ventiquattromila euro arrivati dall’associazione ‘Noi siamo acireale’, è difficile programmare il futuro – ha confessato Fasone. – La stagione sarà comunque onorata perchè la preoccupazione principale è salvaguardare la solidità della società”. Dalla rosa dei granata risultano essere già fuoriusciti due nomi importanti. Si tratta di Silvestri e Rizzo, mentre qualche altro calciatore potrebbe lasciare la cittadina già nei prossimi giorni. “Siamo aperti a chiunque volesse collaborare con noi per il bene di questa squadra” ha concluso Fasone, rispondendo tra le righe all’imprenditore Nando Pappalardo che qualche giorno fa, con un video, aveva fatto sapere di essersi allontanato dalla società.

Un altro sogno di mezza estate si infrange dunque per i tifosi granata. Nonostante le sconfitte e le numerose promesse disattese negli anni dalle tante società che si sono avvicendate alla guida del club, non hanno mai smesso di essere presenti, rappresentando il vero sogno granata che non finisce mai.

Falvio Pugliatti

Print Friendly, PDF & Email