Acireale, quattro serate di grande cinema al chiostro S.Domenico

0
60

Piazze aperte al Cinema2012” è un’iniziativa di notevole spessore organizzata dalla cooperativa “Lemon tour”, sostenuta dal comune di Acireale e dalla Provincia regionale di Catania: quattro serate di pieno respiro dal 16 al 20 luglio, nel Chiostro San Domenico ( ex  Liceo Gulli e Pennisi), con un numeroso pubblico attento, con esperti del cinema, tra i quali il presidente del cineforum acese, Salvatore Pittera.

Sono stati proiettati quattro significativi film. Nella prima serata è proiettato il film “Il cuore grande delle ragazze” di Pupi Avati, subito dopo, l’incontro con una delle interpreti, la simpatica attrice romana Manuela Morabito, di origine siciliana Registi delle altre serate, Monicelli con “Parenti serpenti; Comencini con “La donna della Domenica”; Samdereli con “La mia famiglia va in Germania”.

Piuttosto vivace la conversazione con l’artista Manuela Morabito, donna di elevato spirito, molto legata a Pupi Avati, con il quale, in diversi ruoli, è stata impegnata in ben sette film. Il grande regista, secondo la critica cinematografica, riesce a dipingere quadretti di vita familiare, calata in una realtà sia attuale sia del tradizionale passato con connessi pregiudizi, usi e costumi, che, pur essendo superati, sono rappresentati con un senso di grande umanità.

– Riscontra in lui acume psicologico e quella particolare intelligenza che si rivela in squarci di umanità?

“Sì, è veramente molto umano; è un uomo che studia i suoi personaggi, li segue passo passo nei risvolti psicologici e vuole che l’artista riesca a calarsi nel personaggio in modo molto verosimile, facendo ripetere la parte fino a quando la rappresentazione non riscontra la sua piena approvazione. A me piace trasformarmi in un personaggio, che è magari lontano dalla mia personalità. Per interpretare, ad esempio, un personaggio popolare in un dialetto romanesco molto stretto, ho dovuto sottopormi, per apprenderne il gergo, ad una settimana d’incontri con tipi di questo tenore.”

– Come è stato il suo soggiorno in Sicilia ?

“Sono stati per me due giorni belli, ho visitato molti luoghi. Acireale mi è piaciuta tanto.”

– Girerà qualche film in Sicilia?

“Sì, forse proprio a Catania”.

Al termine della serata, l’acese Lucia Calderone, presidente della cooperativa “Lemon tour”, ha offerto all’attrice un magnifico omaggio floreale.

Print Friendly, PDF & Email