Alza la Voce / Gli studenti raccontano Le Caveau di Acireale

Nell’ambito del Progetto Alza La Voce, iniziativa di Giornalismo a Scuola realizzata tra la redazione della Voce dell’Jonio ed il Liceo Scientifico ad indirizzo sportivo “Archimede” di Acireale, un gruppo di studenti della III A sceglie di focalizzarsi su un noto locale di ristorazione del cuore di Acireale, Le Caveau.

Alza la Voce / Le Caveau di Acireale, un’impresa giovane non solo per i giovani

“Portare un’ondata di freschezza al centro di Acireale”. Giuseppe Vasta sintetizza così le ragioni che nell’aprile del 2018 lo hanno spinto all’apertura di Le Caveau, noto locale del centro storico acese. Le Caveau nasce infatti dal desiderio di mettersi in gioco e scommettere sulla propria città. “Non sufficientemente valorizzata negli ultimi anni”, secondo Vasta, sebbene con infinite possibilità di rinascita economica e culturale. Dopo diverse occupazioni per conto di terzi nel catanese, Vasta era stanco delle scelte lavorative intraprese. Così ha deciso di compiere una svolta per dare un tocco di colore alla propria vita. Nel 2018, ha acquistato il locale sito al piano terra di uno storico palazzo barocco nel pieno centro della città. Precisamente in Corso Umberto 20, e, dopo averlo ristutturato, ha avviato la sua impresa. Oggi ce ne mostra oggi fiero i risultati.

Prodotti siciliani doc, con uno sguardo alle tendenze

Sfruttando le ricchezze di cui il territorio dispone, il proprietario ha ingegnosamente optato per offrire ai propri clienti un’ampia gamma di prodotti tipici siciliani. Il suo wine bar combina così la tradizione con la voglia di innovazione: salumi, formaggi, pane casereccio e olio locale, oltre ad aperitivi e ad un servizio di cocktail bar, molto in voga in questo periodo, a cura di Gianluca Stella. Neanche la pandemia che abbiamo vissuto, e di cui siamo ancora testimoni, è stata sufficiente a frenare l’entusiasmo iniziale di questo intraprendente team.

Dopo oltre un anno di restrizioni, Le Caveau è pronto a cavalcare la ripartenza di Acireale di una coraggiosa generazione di giovani acesi. Con la fine delle restrizioni, accoglie di nuovo flotte di clienti abituali, “conquistandone” altri ancora. La rinnovata speranza è che la stagione estiva possa far riacquisire sicurezza al settore della ristorazione, fortemente penalizzato. A tutto il team, l’augurio di una ripartenza veloce e agevole, nonostante le estenuanti “salite” di questi ultimi mesi.

a cura di Carla Leonardi, Francesco Leonardi, Giulia Musmeci e Danilo Savi

Print Friendly, PDF & Email