Angoli di Sicilia / Il borgo di Carcaci rivive grazie ad un mercato di prodotti tipici

0
111
Carcaci, mercato agricolo

A Carcaci, un borgo ricadente nel territorio di Centuripe, nel giorno della festa dei lavoratori, è stato inaugurato “ Ruralia “, un mercato agricolo dei prodotti tipici locali che avrà luogo ogni prima domenica del mese. La piazza antistante la borgata ha accolto il mercatino.

Grazie ad un finanziamento di centomila euro ottenuto attraverso la partecipazione ad un Bando Gal-Etna si è riqualificata la piazza. Il comune di Centuripe ha messo a disposizione con propri fondi la somma di ventisettemila euro per l’acquisto dell’arredo urbano (fioriere) e per la realizzazione delle cassette in legno, consegnate ai contadini locali attraverso un bando. L’inaugurazione della piazza è avvenuta nell’agosto del 2023. Inaugurazione mercato agricolo di Carcaci
Il primo cittadino di Centuripe, dott. Salvatore La Spina, ha dichiarato che l’obiettivo principale dell’evento è quello di valorizzare la zona adiacente il borgo di Carcaci. E, contestualmente, promuovere il suo territorio e i prodotti derivanti dall’agricoltura e dalla pastorizia.

Il mercato agricolo dà vita al borgo di Carcaci

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato molti visitatori, amministratori locali ed esponenti della deputazione regionale. L’assessore regionale all’Ambiente, Elena Pagana, si è complimentata per il lavoro svolto dall’Amministrazione comunale. Inoltre, si è detta innamorata di questi luoghi in quanto si percepisce l’essenza e la bontà del territorio.
Mentre l’on. Giuseppe Zitelli ha sottolineato di essere particolarmente legato a questo territorio e che è stato fondamentale riqualificare la piazza in modo da renderla più fruibile.

Carcaci, chiesa dedicata a Santa Domenica
La chiesetta dedicata a Santa Domenica

Nella giornata inaugurale, c’è stata la preparazione e la degustazione gratuita della ricotta calda, curata da ONAF (Organizzazione nazionale assaggiatori formaggi), e  il servizio gestito dagli allievi dell’Istituto Alberghiero don Pino Puglisi.
Inoltre è avvenuta la presentazione del progetto realizzato dall’Istituto Fermi-Leopardi di Centuripe, denominato “Centuripe e il suo Borgo nascosto: Carcaci“.
I ragazzi hanno svolto il ruolo di guide e per l’occasione c’è stata l’apertura straordinaria della chiesa di Carcaci, costruita in pietra lavica e dedicata a Santa Domenica.

Il borgo di Carcaci nel territorio di Centuripe

Il borgo è poco distante da Centuripe. Il primo insediamento risale al 1061 ad opera dei Normanni che edificarono la torre dell’attuale Castello. A partire dal XIII secolo fu uno dei feudi più apprezzati da famiglie aristocratiche siciliane.
Nel 1453 avvenne la prima concessione di baronia, ma è solo nel 1631 che nacque il borgo per come è oggi.

La famiglia Paternò Castello nel 1718 acquistò la baronia di Carcaci dando l’attuale nome, e sostituendolo al vecchio “Gio: Paolo”. Nel 1819 la vicina Centuripe assorbì il borgo e il suo centinaio di abitanti.
Allo stato attuale nessuno abita più il borgo e i pochi residenti vivono nelle contrade circostanti con un’economia basata su allevamento, pastorizia e agricoltura. A Carcaci è in buone condizioni il castello, ormai di proprietà privata, mentre le altre strutture che avevano funzione di stalle e magazzini sono ormai fatiscenti.

 

                                                             Giuseppe Russo

 

 

Print Friendly, PDF & Email