App / A Messina arriva Too Good To Go contro lo spreco alimentare

Too Good To Go, l’app anti-spreco n.1 in Italia, arriva anche a Messina, dove commercianti e utenti si sono uniti alla lotta contro lo spreco alimentare. Sono molti i locali della provincia che hanno già aderito all’iniziativa. Ad esempio la Pasticceria di Pietro, le gastronomie La Buona Forchetta e Al Galletto Rosso, la Panineria Más di Milazzo e la pescheria A Ricchizza Du Mari. Anche la catena di supermercati specializzati nella vendita di prodotti biologici NaturaSì estende la sua adesione al progetto coinvolgendo il proprio punto vendita di Messina.

Messina contro lo spreco alimentare

La città di Messina si unisce ufficialmente alla rete anti-spreco di Too Good To Go. L’app offre agli esercenti commerciali la possibilità di dare nuovo valore al proprio invenduto. Agli utenti di acquistare, e dunque salvare, alimenti ancora freschi – che rischiano di essere sprecati – a un terzo del prezzo originale.

Grazie alla vendita delle cosiddette Magic Box, sacchetti contenenti una selezione a sorpresa dei prodotti invenduti di fine giornata, gli esercenti commerciali hanno la possibilità di ridurre gli sprechi. Hanno inoltre l’opportunità di ottenere un piccolo ricavo dagli alimenti che altrimenti andrebbero sprecati attraverso uno strumento sicuro e flessibile. Oltre ai negozianti, a beneficiare dell’acquisto delle Magic Box sono poi i consumatori. Acquistando i prodotti invenduti a un prezzo conveniente, uniscono il risparmio alla lotta contro lo spreco alimentare e il cambiamento climatico. Ogni Magic Box salvata permette infatti di evitare l’emissione nell’ambiente di oltre 2.5 kg di CO2.

Spreco alimentare e cambiamento climatico

Secondo i dati della Coldiretti circa il 17% del cibo prodotto viene sprecato. Il paradosso è che quella stessa quantità basterebbe a sfamare le 730 milioni di persone che nel mondo vivono una condizione di estrema povertà. Gli sprechi più consistenti avvengono nelle abitazioni private. Solo in Italia all’anno si buttano via 67 kg di cibo per abitante, per un totale di 4 milioni di tonnellate. Tra le maggiori cause di spreco alimentare però vi è la sovrapproduzione che genera grossi squilibri. Oltre a problematiche di natura etica, questo genera un forte impatto sui cambiamenti climatici. La produzione di cibo è infatti la causa della produzione di circa il 10% di gas serra che provocano il riscaldamento globale. Inoltre è anche una della cause principali dell’alterazione della biodiversità e del consumo di suolo naturale e acqua.

Come dichiarato dal centro di ricerca Project Drawdown, la riduzione dello spreco alimentare è la soluzione n.1 per contrastare il cambiamento climatico. Consentirebbe infatti di rimanere al di sotto dell’aumento di 2°C, che secondo l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), eviterebbe ulteriori danni e problematiche connesse all’innalzamento delle temperature. Nel periodo post-pandemico tuttavia, qualche dato fa ben sperare. Si è registrato infatti un calo delle quantità di cibo sprecato. Le famiglie si sono adattate alle necessità, reinventando ricette per il recupero degli avanzi e optando per una spesa più consapevole e attenta.

app to good to go spreco alimentare

Messina / Tanti i locali che aderiscono a Too Good To Go

Ad oggi, già diversi locali di Messina hanno aderito all’app unendosi alla lotta contro lo spreco di cibo. Un esempio è la Pasticceria di Pietro con la sua vasta selezione di dolci; nelle Magic Box de La Buona Forchetta si potranno trovare primi e secondi piatti, rustici e tanto altro. Anche la gastronomia Al Galletto Rosso si unisce a questa battaglia fornendo un’ampia gamma di prodotti tipici della cucina messinese.

La Panineria Más di Milazzo proporrà invece i suoi panini farciti. La pescheria A Ricchizza du Mari offre con Too Good To Go pesce fresco di giornata e prodotti ittici surgelati. Prende parte al progetto contro lo spreco alimentare anche il punto vendita di NaturaSì presente a Messina, mettendo a disposizione frutta e verdura di stagione ed altri alimenti biologici confezionati.

Gli obiettivi di Too Good To Go

“Con la sua attività Too Good To Go mira a coinvolgere, sensibilizzare e fornire a tutti gli strumenti per contrastare gli sprechi alimentari, raggiungendo quante più città possibili”, sottolinea Eugenio Sapora, Country Manager Italia di Too Good To Go. “L’arrivo a Messina conferma il nostro continuo percorso di crescita. Dimostra che solo insieme possiamo riuscire a compiere atti concreti per raggiungere l’obiettivo di un Paese a zero sprechi alimentari”.

Nata in Danimarca nel 2015, è presente in 15 Paesi d’Europa, negli Stati Uniti e in Canada con 44 milioni di utenti, più di 110mila negozi aderenti e 90 milioni di Magic Box vendute. Ad oggi Too Good To Go ha limitato l’emissione di oltre 200 milioni di kg di CO2. In Italia, Too Good To Go da aprile 2019 è stata lanciata ufficialmente in più di 70 città. Sono 15.000 i negozi aderenti, 4.700.000 box vendute e oltre quattro milioni e mezzo gli utenti registrati.

Too Good To Go / Come funziona l’app?

I commercianti possono inserire la disponibilità di box, senza specificare che tipo di prodotti saranno presenti all’interno, basandosi sugli invenduti della giornata. Dall’altro lato, gli utenti, accedendo all’app dal proprio smartphone e geolocalizzandosi per individuare i locali aderenti più vicini, potranno acquistare il proprio sacchetto. Una box di prodotti invenduti acquistabili a un terzo del prezzo originale. Pagando direttamente tramite app inoltre si eviterà lo scambio di cartamoneta. Il ritiro della propria Magic Box avviene in negozio nella fascia oraria selezionata – generalmente poco prima della chiusura, evitando così i momenti di massima affluenza.

Too Good To Go / Un po’ di numeri

Nata nel 2015 in Danimarca con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare, l’applicazione Too Good To Go è presente in 17 Paesi (Europa, Stati Uniti e Canada), conta oltre 44 milioni di utenti ed è tra le prime posizioni negli App Store e Google Play di tutta Europa. Too Good To Go permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati ed hotel di recuperare e vendere online – a prezzi ribassati – il cibo invenduto “troppo buono per essere buttato” grazie alle Magic Box, delle “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo.

Gli utenti della app non devono far altro che geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, ordinare la propria Magic Box, pagarla tramite l’app e andarla a ritirare nella fascia oraria specificata per scoprire cosa c’è dentro. In Italia, Too Good To Go conta più di 4 milioni e mezzo di utenti in più di 70 città. Ha permesso di salvare quasi 5 milioni di pasti e di non emettere in atmosfera 11 milioni di kg di CO2.

Print Friendly, PDF & Email