Calcio / Ottavi conclusi ai Mondiali in Qatar: Spagna out e sorpresa Marocco

Si sono conclusi ieri, 6 dicembre 2022, gli ottavi di finale dei mondiali in Qatar. Mai come questa edizione ci si era resi conto del grande livello delle squadre medio-piccole che hanno dato spettacolo anche in questa fase intermedia. Parliamo in particolare del Marocco, riuscito a frenare l’avanzata delle “Furie rosse” di Luis Enrique. Quasi tutte le “grandi” sono riuscite a superare lo scoglio degli ottavi di finale (seppur alcune con qualche difficoltà). L’unica a non essere riuscita nell’impresa è infatti stata la Spagna. Ma andiamo con ordine.

Ottavi mondiali Qatar / Sabato 3 e domenica 4

Sabato 3 dicembre si sono tenute le prime due partite ad eliminazione diretta che hanno visto trionfare l’Olanda e l’Argentina. La nazionale olandese ha sconfitto, senza troppe difficoltà, gli Stati Uniti per un totale di 3-1. “L’albiceleste” ha vinto sull’Australia per un complessivo di 2-1, con la prima rete segnata da Leo Messi in quella che è stata la sua partita numero 1000 tra nazionale superiore e club.

Domenica 4 dicembre si sono tenute FranciaPolonia ed InghilterraSenegal terminate con il trionfo dei francesi e degli inglesi. La nazionale di Deschamps si dimostra per l’ennesima volta in questo torneo la favorita (assieme al Brasile), battendo la Polonia 3-1. Inutile ai fini della competizione il gol su rigore del capitano Robert Lewandowski in quello che probabilmente è stato il suo ultimo mondiale da giocatore. La stessa semplicità nel vincere la partita l’ha trovata l’Inghilterra che distrugge il sogno senegalese, carente in fase offensiva, con un complessivo di 3-0.

Ottavi mondiali Qatar / Lunedì 5

Spagna eliminazione mondiali

Passiamo adesso alle partite di lunedì 5 dicembre. Le due squadre a passare ai quarti di finale sono il Brasile, che interrompe il sogno della Corea del Sud, e la Croazia a discapito del Giappone. La partita disputata dalla nazionale brasiliana ha rivelato la grande forma di calciatori come Richarlison (testimone anche la doppietta contro la Serbia ai gironi con quello che finora è stato il gol più spettacolare della competizione) ed anche compattezza e qualità della squadra. Molto differente è stata invece la situazione in Giappone-Croazia. La squadra europea ha infatti vinto contro i nipponici solamente ai rigori, dopo una partita molto equilibrata. La grande sorpresa è stata la prestazione del portiere croato Livaković, riuscendo a parare 3 dei 4 rigori calciati dai “samurai blu” regalando così i quarti di finale alla propria nazionale.

Ottavi e quarti di finale mondiali Qatar / Martedì 6 e prossime sfide

Per finire, martedì 6 dicembre si sono tenuti gli ultimi due scontri diretti degli ottavi: SpagnaMarocco (vera grande sorpresa del mondiale) e PortogalloSvizzera. La nazionale allenata da Luis Enrique soffre la grande organizzazione e dinamicità del Marocco, fattori che, ai gironi, avevano messo in difficoltà anche il Belgio. Anche in questa partita la decisione è spettata ai calci di rigore, con i quali il Marocco passa ai quarti di finale. la vittoria è stata soprattutto merito di un super Bounou (portiere del Siviglia) che para i primi tre rigori spagnoli.

Partita semplice invece per il Portogallo che quasi umilia la Svizzera con un complessivo di 6-1. Un breve respiro di sollievo per la nazionale portoghese dopo le voci riguardanti il litigio tra il CT della nazionale e Cristiano Ronaldo. CR7 è infatti rimasto in panchina per più di 70 minuti, tempo nel quale si è vista la grande qualità tecnica del suo sostituto Gonçalo Ramos, autore di una fantastica tripletta.

stadio Lusail Qatar

Dopo gli ultimi scontri del 6 dicembre il campionato del mondo si interrompe per riprendere venerdì 9. Il calendario vedrà scontrarsi Croazia-Brasile alle ore 16 ed Olanda-Argentina alle ore 20.  Giorno 10 dicembre vedremo invece un’inattesa e scoppiettante Marocco-Portogallo alle ore 16. La partita più attesa resta senza dubbio Inghilterra-Francia alle ore 20 dello stesso giorno, che determinerà le semifinali per il cammino verso la finale al Lusail Stadium del 18 settembre.

Ismaele Sarro

Print Friendly, PDF & Email