Chiesa e coronavirus / Diocesi di Acireale: i giovani creano “bellezza in cammino verso la Pasqua”

#ioresto acasa e creo bellezza in cammino verso la Pasqua. È questo il titolo dell’iniziativa lanciata, all’inizio della quarantena imposta dal Governo, dal Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile della Diocesi di Acireale.

L’iniziativa si propone come scopo quello di far riflettere i giovani, in questo momento in cui la routine è stata distrutta, per riappropriarsi della bellezza che ogni giovane ha dentro e condividerla con gli altri giovani della Diocesi rimanendo a casa, uniti, e continuando ad incontrarci sui social in attesa di riprendere ad incontrarci fisicamente.

“Tutto ciò ha portato i membri dell’equipe e soprattutto me – dice il direttore del Servizio, don Orazio Sciacca – a stare vicino a questi ragazzi e ad intraprendere in forma privata, un dialogo, un accompagnamento che continua, per stare, anche se a distanza, l’uno accanto all’altro: stare accanto ai giovani, interessarsi di loro e delle cose che fanno, affinché questo possa portare frutti belli; entrare in dialogo con i ragazzi, sostenendoli in questo momento difficile in vista della risurrezione della Pasqua. (…) Sono veramente felice del coinvolgimento diocesano che è nato attorno a questa proposta che sottolinea l’attenzione verso i giovani che, in questo caso, passa attraverso la proposta dell’iniziativa”.

In quasi tre settimane, più di 70 giovani hanno già inviato il loro contributo: tre post al giorno sui social del Servizio che esprimono la bellezza dei giovani che si stanno dilettando nelle diverse forme d’arte dalla pittura con diverse tecniche, al ricamo, alla cucina, alla stesura di riflessioni, alla musica, ai video autoprodotti.

“Quello che mi ha spinto a partecipare a questa iniziativa – dice Rosario Pulvirenti, della Parrocchia S. Antonio Abate in Aci S. Antonio – è stato il voler far vedere che noi giovani, di tutte le età, insieme alla preghiera vogliamo far uscire fuori i nostri talenti proprio come Gesù ci ha insegnato nella gioia del condividere”.

Grazia Massimino, della Parrocchia S. Giovanni Battista di Acitrezza, ci testimonia come l’iniziativa l’ha fatta sentire parte di una comunità: “Ritengo che questa iniziativa abbia offerto a ognuno di noi la possibilità di donare un pezzo di sé agli altri, mediante varie forme di espressione. In un periodo di così grande fragilità, questo spazio di condivisione ha rafforzato in noi giovani un forte senso di comunità, contribuendo a diffondere un messaggio di fede e di speranza”.

Messaggio di fede e di speranza, in cammino verso la Pasqua che è stato rilanciato anche dagli attori Massimo D’Apporto e Roberto Ciufoli i quali, grazie all’interessamento di don Orazio Sciacca, hanno fatto arrivare il loro messaggio ai giovani della Diocesi.

Grazia Spinella

Print Friendly, PDF & Email