Formazione / Ad Acireale un corso per guida ambientale escursionistica

Come accade nel mondo intelligibile ideale delle sinergie e dell’epistème cara a Platone, talvolta dal mondo delle idee si passa a quello sensibile e del divenire, dunque alla dòxa. Così, avviene che, dall’unione di pensieri, si progredisce sino a un’intesa realista di progetti attuabili. La premessa vale per presentare il Corso di formazione “GAE – Guida Ambientale Escursionistica”, nata dalle affinità estrinsecate da parte di LAGAP e Fondazione Città del Fanciullo, esplicitate tramite un accordo siglato dalle parti menzionate.

Con l’acronimo LAGAP si individua la “Libera Associazione Guide Ambientali escursionistiche”, una realtà che riecheggia sul territorio a livello nazionale. Essa è iscritta, stante ad appositi elenchi ricognitivi, al MISE – Ministero per lo Sviluppo Economico, ai sensi della legge 4/2013. La normativa garantisce, agli interessati all’ambito ambientale escursionistico, l’effettiva libertà di esercizio della professione. Inoltre, LAGAP si comporta de facto alla stregua di un sindacato delle guide! Il motto dell’associazione è “nazionali per forza, locali per amore. LAGAP è glocale”.

La Fondazione Città del fanciullo cura la formazione

Dall’altra parte, si incontra la Fondazione Città del Fanciullo, realtà acese che si occupa di formazione, diretta da Marina Scandurra. La Fondazione si adopera nella messa in opera di azioni mirate a sostenere ed esperire progettualità aventi un’anima. Iniziative artefici di effettivi riscontri nel mercato del lavoro e nella crescita professionale dei giovani. La direttrice Scandurra si cimenta, tra le altre cose, nella realizzazione di percorsi di formazione e di educazione all’imprenditorialità. corso guida ambientale

I corsi di formazione GAE rappresentano, dunque, l’anima di una nuova vita formativa della Fondazione, per dare opportunità a quel novero di interessati che pianificano un futuro lavoro nel settore escursionistico-ambientale.

Offerta formativa per divenire provetta Guida ambientale escursionistica

A tal riguardo, Carmelo Nicoloso, guida naturalistica e coordinatore Mezzogiorno d’Italia Comitato Parchi, si è rivelato eccellente tramite e creatore della liaison tra la Fondazione Città del Fanciullo e LAGAP. Nicoloso afferma che la progettualità approntata è ampiamente performante nel training e tirocinio di Guide, qualificate nel campo ambientale escursionistico. Inoltre, riferisce Nicoloso che trattasi di un corso che vede impegnati i candidati selezionati in una formazione di ben 350 (trecentocinquanta) ore. Si inizia ad ottobre per finire a maggio, con una prova finale dinnanzi ad una commissione di esperti della compagine LAGAP.
Le lezioni – afferma la direttrice Scandurra – saranno ripartite in forma teorica ed empirica e tenute da illustri docenti e professionisti del settore di pertinenza.

Gli obiettivi

In merito agli obiettivi che si intende raggiungere con il corso dedicato GAE – Guida Ambientale Escursionistica LAGAP, si cita il mood: fierezza/convinzione di saper svolgere un’attività di alto valore professionale. Si può divenire esperti nell’accompagnamento in sicurezza, sia di persone singole che  di gruppi in ambienti naturali e svolgere, all’uopo, attività didattica e di divulgazione ambientale nonché di educazione alla sostenibilità.
Riferisce ancora Nicoloso, in accordo con la direttrice Scandurra, che l’esperienza formativa propinata è rivolta principalmente agli appassionati e ai giovani che intendono acquisire specifiche competenze per operare nel settore.

Requisiti per l’amissione al corso di Guida ambientale escursionistica

Si intendono requisiti preferenziali di ammissione al corso, oltre alla blasonata buona volontà e ottima forza d’iniziativa, il possesso di titoli, la conoscenza di lingue straniere, l’esperienza e la frequenza di corsi di studi inerenti al profilo. I candidati ammessi parteciperanno alla formazione, seguendo lezioni, escursioni e attuando lo sviluppo di un project work.

Gli aspiranti candidati alla formazione di giuda naturalistica devono avere in dote spirito d’avventura, aver superato la maggiore età. E conseguito anche un diploma di istruzione secondaria superiore. Il numero di selezionati, tramite apposito colloquio, sarà di n. 15 candidati.
A fine corso, dopo aver sostenuto la verifica finale, ogni partecipante potrà avvalersi dell’iscrizione presso LAGAP. Ed essere anche inserito nell’apposito elenco di guide ambientali escursionistiche, anche a livello regionale, stante alle normative in vigore.

In simultanea, Carmelo Nicolosi e Marina Scandurra, sono concordi nell’affermare che il corso di formazione persegue un principio rivoluzionario anche per la medesima Fondazione Città del Fanciullo. Attraverso il suo espletamento, si darà una valida opportunità ai frequentanti, con una concreta e futuribile svolta lavorativa.

Settore turistico in crescita

L’occasione che si cerca di mettere a segno, riguarda la partecipazione all’escalation del settore turistico, che muta in continuazione e non bisogna farsi trovare impreparati. Occorrono, infatti, operatori e strutture qualificati, in grado di offrire servizi innovativi, all’altezza di aspettative/esigenze dei turisti.
Si aprono sempre più sezioni specialistiche sul fronte turismo, tramite l’affermarsi, ad esempio, delle fattorie didattiche o dell’agricoltura sociale. Nuovi orizzonti si evidenziano, poi, con l’istituirsi delle “Strade del vino o dell’olio”, potenzialità/rivelazioni turistiche che possono ascriversi intorno alla disciplina formativa in programmazione: “Tipicità agroalimentari siciliane”.

In ultimo, si riporta che il corso formativo di GAE avrà inizio il 12 ottobre 2022. Le 350 ore verranno svolte in presenza e online, con cadenza settimanale (mercoledì e giovedì, dalle ore 9 alle ore 13). In particolare, per ore dedicate alle escursioni, si evidenzia che esse verranno stabilite di volta in volta sulla base dei siti da visitare. E anche dell’organizzazione calendariale del docente. La frequenza per i candidati selezionati sarà obbligatoria per il conseguimento del corso.
Infine, per qualsivoglia informazione, si rimettono qui riferimenti utili agli interessati: Via delle Terme, 80 – 95024 Acireale (CT) Tel. 095 607838; E-mail: info@cittadelfanciullo.it – www.cittadelfanciullo.it

 Luisa Trovato

Print Friendly, PDF & Email