Libri / “Testimone di ingiustizia”, una vita in incognito per sfuggire alla ‘ndrangheta

Testimone di ingiustizia. La mia vita da fantasma per avere denunciato la ‘ndrangheta” di Marianna F. ed Eugenio Arcidiacono. (Edizioni San Paolo 2020, pp. 160, euro 18,00).
La storia, raccontata in prima persona come se fosse un romanzo, di una donna calabrese che dopo l’uccisione dei suoi due fratelli decise di denunciare la ’ndrangheta.
Siamo in Calabria, all’inizio anni ’90, dove i clan comandano con ferocia mentre lo Stato sembra quasi inesistente. Marianna, giovane laureata, lascia un lavoro promettente e i suoi sogni e decide di testimoniare perché crede nella giustizia. Ma da allora, con i suoi famigliari, inizia il calvario della vita sotto protezione fatto di promesse mai mantenute e di una burocrazia ottusa e spietata che fa di tutto per negarle diritti elementari.
Ancora oggi, dopo 25 anni, vive in un limbo, con la paura ogni giorno di una vendetta da parte di gente che non dimentica mai. Eppure, aiutata anche dalla sua grande fede, continua la sua battaglia, comune a tante altre persone come lei, affinché lo Stato le restituisca una vita dignitosa.

Print Friendly, PDF & Email