Papa Francesco / Echi dell’incontro con gli adolescenti di tutta Italia

Lo scorso 18 Aprile 2022, lunedì dell’Angelo, papa Francesco ha incontrato circa 80 mila adolescenti provenienti da tutta Italia. Un incontro al quale è stato dato il nome “Seguimi”, organizzato dalla Pastorale Giovanile della CEI e pensato come momento di rinascita per i giovani, dopo due anni di pandemia.

Papa Francesco / Il tema dell’incontro con i giovani

Spettacolo, canzoni, riflessioni e testimonianze: tutto ciò ha caratterizzato il tanto atteso incontro a piazza San Pietro. Prima dell’arrivo del papa, si sono esibiti l’attore Giovanni Scifoni e i cantanti Matteo Romano e Blanco. È stato il primo incontro del papa in Vaticano con i ragazzi italiani dopo la lunga sosta dovuta alla pandemia. È significativo che il giorno scelto sia stato il lunedì dopo la Pasqua, la festa che dà origine alla fede, infonde speranza ed è simbolo di rinascita.

L’atteso incontro di papa Francesco con gli adolescenti è avvenuto alle 18, quando il papa ha fatto il suo ingresso in papamobile. Dopo ha avuto inizio la veglia di preghiera. Tema centrale sono state le parole del capitolo 21 del Vangelo di Giovanni. In particolare ci si è soffermati sull’invito rivolto da Gesù a Pietro “Seguimi“. Grande emozione, per il papa e non solo, vedere piazza San Pietro così colma di giovani innamorati di Cristo.

papa francesco adolescenti

Papa Francesco e gli adolescenti

Il Pontefice ha calorosamente salutato i ragazzi ringraziandoli per essere lì e ricordando come due anni fa, esattamente il 27 marzo, si trovava in quello stesso luogo da solo. In quel momento presentava al Signore la supplica del mondo colpito dalla pandemia. “La piazza ha sofferto il digiuno e oggi è piena di voi” sono le parole del Pontefice. Don Michele Falabretti, responsabile del Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile della CEI, ha affermato che, nonostante il tempo continui a metterci alla prova, è giusto continuare le attività educative che da sempre connotano la pastorale delle Diocesi italiane. “L’incontro degli adolescenti con papa Francesco vuole incoraggiare e dare segni di speranza a chi si spende per la crescita dei ragazzi”, ha continuato don Michele.

Papa Francesco e gli adolescenti di Acireale

Anche i giovani della Diocesi di Acireale erano presenti in piazza San Pietro, guidati dal Vicario generale Mons. Giovanni Mammino. Presente anche il vescovo Mons. Raspanti e i parroci delle parrocchie che hanno partecipato all’evento. Alcuni adolescenti hanno condiviso le emozioni provate durante il viaggio e l’incontro con il Pontefice.

papa francesco adolescenti italiaIl papa ci è sempre sembrato una persona irraggiungibile ma oggi abbiamo avuto l’opportunità di incontrarlo, dopo averlo visto diverse volte in TV. Dopo diversi anni a causa del virus, oggi piazza San Pietro era strapiena di adolescenti. Il papa, dopo la proclamazione del Vangelo, ci ha augurato di avere lo stesso fiuto di Giovanni nei confronti della realtà e lo stesso coraggio di Pietro per affrontare i momenti bui della vita“. Queste le parole di Giuseppina Maria Gliozzo, una giovane 14enne della parrocchia di San Nicolò in Aci Catena.

Le testimonianze degli adolescenti della Diocesi di Acireale

Francesco Raiti, giovane 16enne della parrocchia San Giuseppe di Pasteria (frazione di Calatabiano), al rientro da Roma, è entusiasta dell’esperienza vissuta. “Dopo una lunga pandemia, è stata una bella scossa di adrenalina trovarci tra fratelli, e tutti per un unico motivo. È stata un’esperienza forte e intensa, ho provato emozioni infinite che non riesco nemmeno a descrivere”, queste le sue parole.

papa francesco giovani acireale

Papa Francesco e gli adolescenti d’Italia / Fare tesoro di questa esperienza

Anche Mons. Giovanni Mammino, Vicario generale della Diocesi di Acireale, era presente all’incontro. Durante il viaggio di ritorno ha esortato i giovani della sua Diocesi a fare tesoro dell’esperienza vissuta. “Ci siamo ritrovati in piazza San Pietro con una moltitudine di adolescenti per pregare insieme con papa Francesco. Dobbiamo impegnarci a vivere con gioia ed entusiasmo” ha affermato.

Questo incontro ha riempito di gioia il cuore di 80mila adolescenti. Il papa ha consigliato loro di non avere timore ad affrontare le difficoltà e i problemi della vita quotidiana. Commoventi le testimonianze di alcuni giovani che grazie alla fede sono riusciti a superare momenti difficili, come brutte malattie o la perdita di un familiare. Risuoneranno per molto tempo le parole del Pontefice: “Non avete l’esperienza dei grandi, ma avete il fiuto, non perdetelo!”.

Maria Catena Sorbello

Print Friendly, PDF & Email