Petralia Soprana / Il sindaco Macaluso: “Con iniziative sociali miglioriamo la vita della comunità”

0
111
Petralia Soprana

Petralia Soprana, in provincia di Palermo, con i suoi tremila abitanti è un incantevole borgo nel Parco delle Madonie. Una realtà ricca di storia, tradizioni e cultura. La cittadina madonita, conserva integralmente la struttura urbanistica medievale con strade strette dal manto lastricato, chiese e palazzi nobiliari, suggestivi cortili e lineari case in pietra che si allargano in splendide piazzette e meravigliosi panorami.

Abbiamo rivolto alcune domande al primo cittadino del borgo madonita, dott. Pietro Macaluso, che guida il paese dal 2012. Medico specialista in medicina del lavoro e medico di base del suo paese, Macaluso fin da bambino ha sempre coltivato la voglia di fare politica. Ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale. Si è candidato alle elezioni regionali del settembre 2022 con il Partito Democratico.sindaco Pietro Macaluso

Petralia Soprana, è una gemma preziosa all’interno delle Madonie. Quali sono le potenzialità del borgo madonita?

Le potenzialità di Petralia Soprana sono tante. Il borgo madonita è un gioiello da tutelare, preservare e valorizzare. Mi permetto di dire che con le Amministrazioni che ho guidato in questi anni, ho fatto tante iniziative per far conoscere l’incantevole borgo al grande pubblico. La cittadina è inserita nel Circuito dei Borghi più belli d’Italia, dei Comuni Fioriti, dei Borghi più belli di Sicilia. Il Comune madonita è stato presente nelle fiere internazionali.

Il PNRR( Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ) è un’importante opportunità per la rigenerazione urbana dei centri storici, per la transazione ecologica, per la riqualificazione delle strutture scolastiche. Il Comune di Petralia Soprana ha elaborato dei progetti per attingere ai fondi europei, per realizzare delle infrastrutture fondamentali per lo sviluppo economico, sociale e culturale della cittadina?

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è una grande opportunità che è stata data a tutta l’Europa. Abbiamo centrato alcuni obiettivi: Parco Inclusivo, finanziamento monitoraggio risorse idriche della distribuzione dell’acqua. Rafforzamento inclusione sociale; infrastrutture.

palazzo municipale
Il palazzo municipale

Il borgo madonita è ricco di risorse naturali, storiche, artistiche e paesaggistiche. In che modo intendete valorizzare tale patrimonio?

Noi crediamo molto nel promuovere il patrimonio materiale e immateriale. Abbiamo realizzato delle iniziative che riguardano la comunità. Petralia Soprana fa parte dell’Unione dei Comuni, dell’Ente Parco delle Madonie.

Negli ultimi anni stiamo assistendo allo spopolamento dei piccoli centri urbani. Quali iniziative state adottando per contrastare tale fenomeno?

Sono diverse le iniziative attuate, fra queste, l’incentivo economico per aperture di nuove attività commerciali. Aiutare le classi più disagiate, attraverso il baratto amministrativo; l’iniziativa delle case ad 1 euro; servizi civici per apprendere il lavoro e per essere ammessi al mondo del lavoro; il servizio civile.

Lei è al suo terzo mandato elettorale. E’ soddisfatto degli obiettivi raggiunti?

Mi sento soddisfatto degli obiettivi raggiunti. Petralia Soprana è cresciuta sotto tutti i punti di vista, sia a livello internazionale che nella centralità di Comune all’interno della comunità madonita. In questi anni è migliorato il benessere dei cittadini. Abbiamo ottenuto finanziamenti pubblici, abbiamo migliorato la qualità della vita, attraverso il miglioramento della rete viaria, l’efficientamento energetico di tutte le strutture comunali. Inoltre c’è stato il completamento della zona artigianale Madonnuzza. Sono stati riqualificati i beni culturali. Inoltre è stato aperto il Museo Antropologico e Geologico scavi-Santa Marina”.

Petralia Soprana, chiesa Madre
Chiesa Madre

Petralia Soprana, inserita nel circuito dei Borghi più belli d’Italia, possiede un patrimonio storico e artistico di grande valore. La chiesa Madre, dedicata ai Santi Apostoli Pietro e Paolo consacrata nel 1497, vanta un nucleo originario di età tardomedievale ed è stata ricostruita nei secoli successivi secondo il gusto dell’epoca.
L’interno dell’edificio è suddiviso in tre navate, sorrette da dodici pilastri simboleggianti i dodici apostoli e caratterizzato da sculture e dipinti che vanno dal ‘400 all’800. Tra essi spicca il primo crocifisso dello scultore Frate Umile Pintorno da Petralia Soprana. Il Cristo, opera omnia della cittadina, raffigurato con la bocca leggermente aperta che lascia intravedere i denti, il capo inclinato sulla spalla destra e la ferita sul costato, manifesta le evidenti tracce del martirio.

Nel borgo si trovano altri pregevoli luoghi sacri come la chiesa del Santissimo Salvatore, quella di Santa Maria del Loreto, la chiesa delle Anime del Purgatorio, quella di San Teodoro, la chiesa del Collegio, la chiesa del Convento di Santa Maria di Gesù.
Mentre a Raffo, frazione di Petralia Soprana, all’interno della miniera, si trova il Museo di Arte Contemporanea SottoSale, un luogo carico di bellezza e suggestioni dove si trovano in esposizione delle opere realizzate con il sale.

 

                                                                       Giuseppe Russo

 

 

Print Friendly, PDF & Email