Punti di vista / In Francia comunque ha vinto lo “spirito repubblicano”

0
56
Elezioni in Francia

A chi dissente e anzi minimizza sul grande valore civile che assume il risultato politico delle elezioni francesi, in particolare che questo risultato non presenta alcuna novità di tipo elettorale e che è molto problematico al fine della governabilità, ho la risposta giusta.

La notazione più importante è il carattere storico che una grande nazione come la Francia non manca mai d’insegnare. In questa occasione si registra automaticamente una fortissima consapevolezza generale dello spirito di coalizione democratico che salvi, in ogni caso, la natura della Repubblica e consenta il superamento delle divisioni prettamente ideologiche, formando coalizioni di ordine politico e civile assolutamente superiori, rinnovando sempre il patto antifascista.

Torre Eiffel
Foto Wikimedia Commons

Nelle elezioni in Francia ha prevalso lo spirito repubblicano

Così è stato, senza eccezione alcuna, in tutte le elezioni francesi, specialmente quelle decisive al massimo livello della Presidenza nazionale. Quando la sinistra, compreso il più arretrato e rozzo, ancorché esiguo partito comunista d’Europa, non ha mai esitato, al fine di fermare la deriva di estrema destra, ad appoggiare il candidato conservatore a lei più “prossimo”, così ha fatto anche la destra liberale nei confronti della sinistra.

Questo si chiama, che si voglia o no, “Spirito Repubblicano” che indica la radice più propriamente identitaria comune e le garanzie costituzionali irrinunciabili capaci di evitare le dittature personali o collettive in ogni forma. Spirito caratterizzante quella maturità politica e sociale che in Italia abbiamo sempre sottovalutato, se non disprezzato, specie negli ultimi anni, ritrovandoci oggi con una oligarchia di destra al governo che sta man mano attaccando gli spazi di libertà e coerenza costituzionali.

Taluni insistono a respingere ogni “compromesso“. Quando si grida al “non tradirò mai la mia identità” (confesso che in giovinezza anch’io ne sono stato molto attratto) oggi rispondo che il compromesso repubblicano è la massima espressione di coerenza con la propria natura ideale, al fine di salvaguardare un Bene comune supremo. Non è stato questo lo Spirito della Resistenza?

                                                              Rosario Patanè

Print Friendly, PDF & Email