San Sebastiano / Presentata la festa straordinaria per il compatrono di Acireale

0
93
Dario Nicotra, don Alessandro Di Stefano e fabio Grippaldi

Non si è ancora spenta l’eco dei recenti solenni festeggiamenti in onore di Santa Venera vergine e martire, Patrona principale della città e della diocesi, ed è già imminente un’altra grande ricorrenza: la festa straordinaria in onore del Compatrono della città, San Sebastiano. L’ occasione è la conclusione dell’anno giubilare concesso dalla Santa Sede per celebrare i 500 anni di culto documentato al Santo Martire in Città.

La festa straordinaria che tra qualche settimana (esattamente il 26 agosto prossimo) celebreremo nella ricorrenza dei cinquecento anni di culto cittadino in onore di San Sebastiano comprenderà diversi momenti. Il programma è stato illustrato l’1 agosto nel corso di una conferenza stampa nella monumentale Basilica Collegiata intitolata al Santo bimartire tanto caro agli acesi. Questi ogni anno gli tributano grandiosi festeggiamenti per l’intera giornata del 20 gennaio.

Nicotra, Di Stefano Grippaldi,Grasso
Da sin.Dario Nicotra, can. Alessandro Di Stefano, Fabio Grippaldi e in piedi don Arturo Grasso

Conferenza stampa per la festa straordinaria di San Sebastiano

Presenziavano alla conferenza stampa il sac. can. Alessandro Di Stefano, da pochi mesi decano della Basilica, lo storico Fabio Grippaldi ed il giovane Danilo Nicotra, esponente del comitato dei festeggiamenti di San Sebastiano.
Dopo il saluto iniziale del sac. Arturo Grasso, direttore della ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi, il decano della Basilica introduceva i presenti nel clima della festa, sottolineando come essa sia caratterizzata da tre fasi.
Cioè il momento penitenziale, la celebrazione eucaristica ed il pellegrinaggio giubilare del venerato artistico simulacro del Santo a bordo dell’artistico fercolo lungo le vie del centro storico cittadino. La processione giubilare sarà preceduta da una solenne celebrazione eucaristica. A presiederla  monsignor Giuseppe Sciacca, presidente dell’ufficio del lavoro della Sede Apostolica della Città del Vaticano, nonché indimenticato decano emerito della monumentale Basilica acese.

Nel successivo intervento, lo storico Fabio Grippaldi illustrava le fasi salienti dell’intero programma, che si svolgerà dal 20 al 31 agosto prossimi. E comprenderà diversi momenti, a carattere religioso ma anche culturale.

don Arturo Grasso
Don Arturo Grasso

Quanto agli appuntamenti religiosi, oltre agli eventi della giornata vigiliare del 25 agosto (con ‘statio giubilare’ e processione delle reliquie del Santo verso la monumentale Basilica) ed a quelli della giornata solenne del 26 agosto, sono in programma una giornata eucaristica, fissata per venerdì 2 settembre, una ‘giornata della carità, in programma domenica 28 agosto con raccolta di generi alimentari per persone bsgnose. E la solenne concelebrazione eucaristica conclusiva dell’anno giubilare che avrà luogo domenica 4 settembre. A presiederla il vescovo di Acireale, mons.Antonino Raspanti.

I momenti culturali della festa straordinaria di San Sebastiano

Quanto ai momenti ‘culturali’, invece, sono in programma una esposizione  di quadri viventi di Caravaggio, accompagnata da musiche di Mozart, Bach e Vivaldi.  E ancora due presentazioni di libri. La prima si terrà nella monumentale Basilica sabato 27 agosto.  Riguarderà un testo curato da Fabio Grippaldi e Maurizio Vitella ed intitolato ‘Di seta et oro. Antichi tessuti nelle chiese di Acireale’.
La seconda, invece, si terrà giovedì 1 settembre presso la chiesetta di Sant’Antonio da Padova’. Riguarderà un libro curato dal giornalista Antonio Trovato ed intitolato ‘La vecchia chiesa di San Sebastiano – La chiesa di Sant’Antonio di Padova in Acireale’.

Nell’intervento conclusivo, infine, il giovane Danilo Nicotra ha evidenziato il grande e complesso lavoro che il comitato dei festeggiamenti solitamente svolge per la preparazione della festa in tutte le sue fasi ed in tutti gli eventi previsti in programma.

Nando Costarelli  

Print Friendly, PDF & Email