Santa Venerina / La “sicilianità” prende forma in piazza a Dagala. In corso la sesta rassegna teatrale Re d’Argento

Sipario aperto sulla sesta rassegna teatrale “Teatrando” di Dagala del Re, l’evento ideato dall’associazione locale Mondo Aperto onlus per rilanciare lo storico premio Re d’Argento. Ieri (24 agosto) la prima rappresentazione in piazza Immacolata. Stasera (25 agosto) e domani (26 agosto) gli altri due spettacoli. Il 7 settembre serata conclusiva con tanti ospiti.

Il Re d’Argento è come sempre una cornice all’insegna del buon teatro. La storica rassegna teatrale ha affascinato il pubblico accorso sin degli anni ’90 a Dagala del Re per divertirsi assieme alle

Foto di gruppo dei Nati per caso dopo lo spettacolo del 24 agosto in piazza Immacolata a Dagala del Re

battute di artisti dal calibro di Tuccio Musumeci, Michele Abruzzo, Mariella Lo Giudice e Nerina Laganà. Quest’anno è la sesta rassegna: tre le rappresentazioni teatrali ad agosto più una serata conclusiva a settembre. Dopo una lunga pausa il Re d’Argento è tornato alla ribalta del panorama locale grazie agli sforzi dell’associazione Mondo Aperto onlus e di alcuni benefattori:

Lavoriamo durante tutto l’anno per riproporre un elogio alla sicilianità – ha detto Venera Contarino, presidente della Mondo Aperto onlus -. Ogni anno proponiamo degli spettacoli che toccano sfere artistiche sempre più ampie del nostro territorio: partendo col valorizzare l’arte teatrale e spingendoci al canto dialettale, alla poesia, al cabaret”.

Quest’anno la rassegna teatrale si svolgerà nelle calde serate estive del 24-25-26 agosto. Ad aprire il sipario venerdì 24 saranno i patroni di casa “I nati per Caso”, compagnia nata all’interno dell’associazione e che raggruppa interpreti provenienti da Dagala del Re e dintorni, con la commedia dialettale in due atti “Pani, amuri e…tumpulati!” di Pietro Barbaro con la regia e gli adattamenti di Venera Contarino. Sabato 25 agosto sarà la volta della compagnia “Ars Theatri” di Zafferana Etnea che porterà in scena la commedia dialettale in tre atti “Amara a cu ci capita!” di Rocco Chinnici, con la regia di Andrea Fichera e Mario Scandurra. Chiuderà, domenica 26 agosto, la compagnia “La Collina d’Aci” di Pennisi con la commedia dialettale in due atti “Tutto cominciò stamattina alle 8” di Saro Cristaudo, con la regia di Saro Cristaudo. Gli interventi musicali dei giovani musicisti emergenti locali Alfio Calì e Michele Licciardi faranno da cornice alle serate del cartellone teatrale.

Il 7 settembre la cerimonia durante la quale verrà consegnato il premio Re d’Argento: “Sul palco ci saranno vari ospiti e testimoni. Punteremo come sempre a parlare bene della nostra amata Sicilia”, ci confida infine Venera Contarino, forza motrice del rinato premio. Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito. Per maggiori informazioni si possono consultare le pagine Facebook della Mondo Aperto onlus e del Comune di Santa Venerina.

Domenico Strano