Teatro Massimo Bellini / Al via la nuova stagione concertistica con musiche di Berlioz

0
32
Hector Berlioz

Cresce l’attesa per l’inaugurazione della Stagione  concertistica 2022-23 del Teatro Massimo Bellini, che si snoderà da novembre a maggio. Cifra distintiva del cartellone è la prevalenza di scelte monografiche, adottate fin dal concerto sinfonico inaugurale, interamente  dedicato all’impeto protoromantico di Hector Berlioz.

La locandina, in calendario venerdì  11 novembre alle 20:30 (turno A) e sabato 12 novembre alle 17:30 (turno B), – illustra una nota stampa dell’Ente –  prevede   la “Grande ouverture de Benvenuto Cellini” in sol maggiore  e la “Symphonie fantastique. Épisode de la vie d’un artiste, en cinq parties”, op. 14. La pluripremiata Orchestra dell’ente lirico etneo sarà  condotta  dal maestro bielorusso Vitali Alekseenok, nome di punta  del panorama direttoriale, già  applaudito al Bellini in occasione del Concerto di Capodanno 2022.

In apertura, dunque, si eseguirà l’ouverture tratta da “Benvenuto Cellini”, opera semiseria in due atti  su libretto di Léon de Wailly e Henri Auguste Barbier.  Rappresentato in una prima versione nel 1838 al Teatro Académie royale de musique, il titolo riscosse un insuccesso che condusse ad un iter  travagliato.
Profondamente rimaneggiato, il lavoro  andò in scena all’Hoftheater di Weimar nel 1852, presente Franz Liszt che propose importanti interventi. Fino ad approdare alla redazione in 3 atti, in scena nel 1853 a Londra, con esito ancora infelice, nonostante il valore della creazione. L’opera fu allestita nuovamente  a Weimar nel 1856. E lo stesso anno venne stampata la partitura di quest’edizione, che non può comunque considerarsi definitiva, viste le ulteriori modifiche successive.Teatro Massimo Bellini

Teatro Massimo, la Sinfonia fantastica di Berlioz inaugura la stagione concertistica

Più fortunata la “Sinfonia fantastica”, altissimo  esempio di musica a programma, di cui Berlioz fu paladino.  Dedicata allo zar Nicola I di Russia, fu eseguita per la prima volta nel 1830 al Conservatorio di Parigi. E’ chiamata  “fantastica” nel senso che è frutto di un programma “di fantasia” concepito dal compositore. La suddivisione non  è in quattro ma in cinque movimenti, come nella sinfonia Pastorale di Beethoven e negli atti dell’opera francese. Le diverse parti sono attraversate da un’idea fissa: un pensiero musicale in cui s’adombra l’ossessione d’amore per l’attrice  Harriet Smithson.

Sul podio ritorna Vitali Alekseenok, che ha attirato l’attenzione internazionale dopo aver trionfato  all’XI Concorso di direzione d’orchestra “Arturo Toscanini” 2021 a Parma. Oltre al primo premio, ha conquistato quello del pubblico e quello per la migliore esecuzione di un’opera di Verdi.  Ha diretto prestigiose formazioni, quali l’Orchestra della Scala, la MDR Radio Symphony Orchestra di Lipsia, la Staatskapelle a Weimar. E ancora, l’Orchestra d’Archi di Lucerna, la Sinfonica di Kiev, la Toscanini di Parma.

Nomi di prestigio nela cartellone della nuova stagione concertistica

È  questo il primo atto di un cartellone straordinariamente variegato e ricco di attrattiva. Il violino di Uto Ughi insieme al pianoforte di Francesco Nicolosi, il jazzista Danilo Rea, la voce recitante di Alessio Boni, il pianista Dmitry Shishkin. E ancora, la bacchetta del direttore artistico Fabrizio Maria Carminati e quelle di Eckehard Stier, Markus Bosch e Mārtiņš Ozoliņš.
Sono solo alcuni dei protagonisti di un cartellone, che si annuncia come un’autentica parata di stelle.  La campagna abbonamenti si protrarrà fino all’11 novembre per la concertistica e fino al 22 novembre  per la lirica.  Nel frattempo è già  possibile acquistare i biglietti dei singoli concerti.

I prezzi sono rimasti invariati rispetto alle scorse stagioni lirica e concertistica. Per quest’ultima è previsto anzi un incentivo: il Teatro  regala un concerto sinfonico in più, sia per il Turno A che per il Turno B. Dunque l’abbonamento non solo non è aumentato, ma risulta addirittura più  conveniente: i concerti sinfonici  – che erano 12 nella scorsa stagione –  salgono infatti a 13. Confermati i  recital di musica da camera, che restano in numero di 6.

Più in dettaglio, il Turno A comprende tutti i 19 appuntamenti, al prezzo di 18 se rapportato a quello passato. Ai 13 concerti sinfonici serali si intrecciano  i 6 recital che saranno invece programmati nel pomeriggio.

Il Turno B,  pensato per chi preferisce le repliche pomeridiane anche   dei tredici concerti sinfonici, , comprende di base  solo questi ultimi.  E  non prevede i recital, ma è  possibile integrarli nel pacchetto. Infatti, è attiva una terza, nuova opzione: abbonarsi soltanto ai  recital oppure aggiungerli al pacchetto del Turno B. Per maggiori informazioni: teatromassimobellini.it

 

Print Friendly, PDF & Email