Trecastagni / Nasce il progetto “Anziani in rete”. I responsabili: “Rispondiamo così alle insufficienze del welfare tradizionale”

Prende il via a Trecastagni il progetto Anziani in rete, finanziato dalla Fondazione con il Sud con i fondi del IMG_4119Bando Volontariato. Con il supporto dell’amministrazione comunale il progetto ha in calendario una serie di interventi gratuiti di prevenzione sanitaria, animazione e formazione, interamente rivolti alla popolazione anziana con l’obiettivo di migliorarne la qualità della vita e il benessere fisico e sociale.

“Intendiamo rispondere alle esigenze di un’ampia fascia di popolazione che trova ormai sostegno insufficiente nei servizi offerti dal welfare tradizionale – dichiara Gabriele Sorace, responsabile del progetto – vogliamo anche riscoprire il ruolo sociale dell’anziano, per ricollocarlo culturalmente e socialmente realizzando un intervento che può diventare un modello applicabile anche in altri contesti territoriali”. Nell’ambito del progetto, che si svolgerà interamente a Trecastagni presso il Centro polifunzionale “Peppino Impastato” di Piano Pucita, è stato attivato il numero verde 800.628.103 attraverso cui è possibile prenotare visite gratuite di medicina generale ed effettuare elettrocardiogramma, spirometria, controllo glicemico e altri esami a scopo preventivo.

“Anziani in rete” si propone anche di combattere l’isolamento e l’abbandono cui spesso si è relegati durantenumero_verde la cosiddetta terza età, realizzando un’ampia offerta di laboratori formativi e incontri informativi; richieste e prenotazioni saranno gestite sempre tramite il numero verde.

Il primo momento formativo sarà un laboratorio di informatica che avrà l’obiettivo di migliorare l’approccio degli anziani con la tecnologia applicata alle necessità della vita quotidiana. Saranno installate delle postazioni multimediali e nel corso degli incontri settimanali sarà possibile imparare a risolvere problemi pratici: gestire il proprio profilo INPS, navigare attraverso i siti istituzionali per richiedere servizi o certificati, conoscere l’utilizzo di e-mail, chat e home banking.

Tra gli incontri già in programma è previsto un momento informativo sul corretto utilizzo dei farmaci, già dalle prossime settimane in calendario ci saranno anche momenti ricreativi, serate danzanti e gite turistiche.

Salvatore Tomarchio

 

Print Friendly, PDF & Email