Catania / Ebat Ciala contro caporalato e baraccopoli di Paternò

0
138
Ebat Ciala, vertice in Prefettura

Sono tre le proposte che l’Ebat Ciala Catania, Ente bilaterale agricolo territoriale, ha messo sul tavolo della Prefettura di Catania, in occasione della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato per discutere del degrado della baraccopoli di contrada ‘Ciappe Bianche’ a Paternò, in cui vivono centinaia di lavoratori immigrati.

I recenti fatti di cronaca – riporta una nota stampa –  tra cui la morte di un bracciante agricolo, un 26enne marocchino ucciso da un connazionale, suo ‘caporale’, hanno riacceso i riflettori anche sul tema dello sfruttamento della manodopera nei campi di raccolta.

Baraccopoli Paternò
Baraccopoli di Paternò

L’Ebat Ciala pronta a fornire assistenza ai lavoratori
oppressi dal caporalato


Alla presenza del Prefetto di Catania, Maria Carmela Librizzi, del sindaco di Paternò Antonino Naso, delle Forze dell’Ordine, delle sigle sindacali, di associazioni ed enti coinvolti, il presidente dell’Ebat Ciala Catania, Claudio Petralia, si è detto pronto a fornire supporto concreto per la sistemazione degli ospiti della baraccopoli, raggiunti da ordinanza di sgombero.

Claudio Petralia
Claudio Petralia, presidente Ebat Ciala -Catania

 “Abbiamo dato la disponibilità a fornire soluzioni abitative per i lavoratori, sulla base della disponibilità di aree attrezzate messe a disposizione dal Comune di Paternò, nel caso in cui non trovasse soluzioni in proprio – spiega Petralia. – Ci impegniamo, inoltre, a organizzare un servizio di trasporto collettivo dei lavoratori per sottrarli all’attività dei “caporali” e a istituire un centro per consentire l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro e la formazione dei lavoratori, nel rispetto della legalità”.

Ebat Ciala contro caporalato, sfruttamento e illegalità


Riteniamo importante – prosegue – anche la concessione, secondo quanto previsto dalla legge, di permessi di soggiorno ai migranti che denunciano gli sfruttatori o collaborano con le forze dell’ordine. Il nostro ente è impegnato da sempre nella lotta contro il caporalato, lo sfruttamento e l’illegalità. Siamo quindi pronti – conclude il presidente dell’Ebat Ciala Catania – a dare il nostro contributo per restituire la dignità a questi lavoratori”.

Print Friendly, PDF & Email