Grandi nomi di Sicilia / Grazia Giurato, instancabile lottatrice per i diritti civili

Grazia Giurato è stata un’instancabile lottatrice per i diritti civili in favore dei più deboli fino alla fine dei suoi giorni.
“Ci piace ricordarti così, Grazia. Un’amica, appassionata dei diritti civili ed attenta ai bisogni dei più deboli”. Così l’associazione Città Insieme, il “movimento di società civile” di Catania di cui ella stessa fu tra i fondatori, ha ricordato l’attivista Grazia Giurato. Punto di riferimento nella lotta per i diritti delle donne, si è spenta all’età di 86 anni.
Grazia Giurato è nata a Catania il 9 luglio del 1936. Ex bancaria, è stata attivista per tutta la vita, militante nel Pci (dal ’76 all’89), volontaria nell’UDI, tra i soci fondatori del movimento di Città insieme. Ha ricoperto il ruolo di consigliera comunale per la Rete (dal ’93 al ’97) ed è stata anche candidata a sindaca di Catania nel 2008 con l’allora lista “Amici di Beppe Grillo”.

Grazia Giurato / Instancabile lottatrice per i diritti civili 

Ha firmato anche due libri: ‘Ancora Ci Credo’ (2012) e ‘Gli Altri’ (2016). Nel primo libro ricompone storie lunghe e difficili, percorse dalla dignità di chi non piega mai la schiena e, se costretta a farlo, giura dentro di sé che non dovrà accadere mai più. Né a lei né alle donne come lei. A chi le chiese il perché di questo libro, lei rispose che “voleva lasciare un segno, lanciare un messaggio, soprattutto alle ragazze di oggi, perché ha ancora un senso essere femministe”. “Bisogna avere il coraggio di indignarsi – concludeva – senza girare la testa dall’altra parte. Altrimenti si diventa complici”.

A settant’anni e più, Grazia ha continuato a marciare a manifestare in piazza a chiedere legge uguale per tutti o pace nel mondo. Sempre in prima linea in tutte le battaglie civili e non solo sull’emancipazione femminile. Lascia alle future generazioni la testimonianza di una donna coraggiosa e coerente che ha sempre combattuto per le sue idee senza mai tirarsi indietro. Ci ha sempre messo la faccia e non si è mai tirata indietro, fossero o no condivisibili le sue spinte ideologiche: dall’aborto all’acqua pubblica, dall’etica nella politica all’ambiente, passando per  la solidarietà, i diritti civili e, soprattutto, la dignità delle donne.

Grazia Giurato / Il tributo di Catania all’attivista 

La gente la ricorda per la sua determinazione e per il coraggio con cui ha sempre portato avanti le sue idee. Grazia Giurato lascia un enorme vuoto in coloro che l’hanno conosciuta o che semplicemente si sono rispecchiati nelle lotte di cui si è sempre fatta carico per contribuire, attraverso i suoi sforzi, al benessere collettivo.

Sui social si diffondono i messaggi di cordoglio per la morte di Grazia, ricordata così da Pippo Bellomo: “Ci ha lasciato Grazia Giurato, una persona speciale e integerrima. L’ho potuto apprezzare nei molti e importanti anni d’impegno umano, civile e politico. Per me era un’ottima Amica, e in certi momenti, anche saggia, rigorosa – ma sempre delicata – consigliera. Lascia un vuoto non solo nei familiari e fra i suoi tantissimi amici, ma anche in quanti hanno avuto la fortuna di conoscerla. Ciao Grazia“.
La ricorda con affetto anche Enzo Guarnera: “Una persona speciale e unica. Integerrima e disinteressata nelle scelte. Ho condiviso con lei molti e importanti anni d’impegno umano, civile e politico. Soprattutto ho condiviso i Valori fondamentali della vita. Lascia un vuoto non solo nei familiari ma anche in quanti l’hanno conosciuta. Ciao Grazia. Sono certo che un giorno ci rivedremo“.

Chiara Iannizzotto

Print Friendly, PDF & Email