Messina / Domani la “Notte bianca per S. Antonio”, grande festa religiosa di popolo

Messina si accinge a festeggiare un fine settimana particolare che, ogni anno, richiama in riva allo Stretto migliaia di persone provenienti da ogni angolo della Sicilia e in particolare del Catanese.

Alle ore 20 di sabato 15 entrerà infatti nel vivo la “Notte bianca per S. Antonio”, evento promosso dal rettore della Basilica di via S. Cecilia, Padre Mario Magro, patrocinato dal Comune; domenica 16, inoltre, avrà luogo la tradizionale Processione del Carro Trionfale che concluderà i festeggiamenti in onore del Santo. “La Notte bianca per S. Antonio – ha sottolineato a tal proposito l’assessore Giuseppe Scattareggia – è giunta alla VIII edizione ed è cresciuta anno dopo anno attraverso la presenza di visitatori e turisti all’interno dei musei della Basilica di Sant’Antonio, del chiostro della chiesa dello Spirito Santo e della Madonna del Carmine. Si tratta di un grande evento, che coinvolge migliaia di persone sia negli spettacoli che nell’organizzazione. Per garantirne lo svolgimento in sicurezza saranno impegnate le associazioni di volontariato che lavoreranno in sinergia con le forze di Protezione Civile coordinate dall’assessore al ramo Massimiliano Minutoli. Sicuramente sarà come sempre un appuntamento unico ed offrirà a cittadini, turisti e pellegrini una serata di gioia, di aggregazione sociale e di grande festa nel nome del grande Santo taumaturgo. Saranno inoltre aperti i parcheggi Zaera e Cavallotti con un servizio gratuito di navetta”.

A partire dalle 20 sino alle 2 di notte di sabato 15, nelle strade adiacenti la Basilica (via S. Cecilia, C. Battisti, Largo Avignone, A. Martino, piazza del Popolo e piazza Annibale M. di Francia), migliaia di devoti di Sant’Antonio assisteranno ad un grande spettacolo a cielo aperto. L’avvio della serata nella Basilica sarà dedicato ai fratellini Francesco e Raniero Messina, morti un anno fa nell’incendio della loro casa. Nel corso dell’evento si svolgeranno oltre quaranta iniziative tra arte, cultura, sport, musica, spettacoli, artigianato e degustazioni lungo le strade chiuse al traffico e si esibiranno numerosi artisti. Nella Basilica antoniana si terranno cinque concerti di musica classica e moderna, eseguiti dal Conservatorio “A. Corelli”, dall’Orchestra dell’Ars Nova, dalle due sorelle Daniela e Stefania La Fauci, dalla pianista Veronica Ciccio con giovani talenti al piano e dall’Associazione S. Cecilia Opera Singers. Piazza del Popolo sarà animata da una kermesse musicale della solidarietà di Lillo Alessandro, con scuole di danza, cantanti e musicisti. Venti artisti di strada inoltre intratterranno nelle vie pedonalizzate, bambini, giovani e adulti con giocoleria, esibizioni circensi, spettacoli con il fuoco e parate di musica, coordinati dall’associazione Onarts. Sulla scalinata Zuccarello a Largo Avignone si svolgeranno sfilate di moda curate da Anna Lo Presti; a piazza Annibale Maria di Francia momenti musicali, di danza e di magia, organizzati dell’associazione Morgana; infiorate di mosaici artistici in via Nino Bixio e in via S. Cecilia in ricordo dei due fratellini Francesco e Raniero, allestite dai maestri dell’associazione Paradisea di Camaro; in via Aurelio Saffi si esibiranno gli artisti del Real Italian Wrestling, delle arti marziali e di kickboxing; in via S. Cecilia, spettacolare accensione musicale delle luminarie e concerti di quattro Bande; sulla via Cesare Battisti, musicisti e sbandieratori di Rometta, trampolieri in musica e spettacolo di artisti di strada, a cura dell’associazione culturale “DAF”. Previste inoltre visite guidate nella Basilica di S. Antonio, con il suo splendido museo del Quartiere Avignone del 1878, e mostre iconografiche; nella Chiesa dello Spirito Santo concerti e musica, che si ripeteranno anche nell’antico chiostro del 1100; mostre di pittura e di fotografia sotto i portici di piazza del Popolo e in via Geraci; a piazza Zaera, gli studenti dell’istituto comprensivo Manzoni, Dina e Clarenza si esibiranno con due ospiti d’onore, Davide Romeo, giovane promessa del canto neo melodico, e il piccolo tenore Antonio Augliera. La cultura sarà presente con il Feltrinelli Point e un bus storico dell’ATM, mentre gli hobbisti, sulla via Antonio Martino e in piazza del Popolo, presenteranno i loro prodotti creativi.

Domenica 16, alle 11, il Solenne Pontificale celebrato da S. E. Mons. Giovanni Accolla Arcivescovo di Messina e alle 19.30 S. E. Mons. Cesare Di Pietro, Vescovo Ausiliare, presiederà la Processione del Santo, con il Carro Trionfale ed il Reliquiario di S. Antonio, dono della Basilica della città di Padova a quella messinese, come segno di comunione e gemellaggio in nome della grande devozione al Santo taumaturgo. Il corteo religioso si snoderà lungo le vie Ghibellina, S. Cecilia, Cesare Battisti, Tommaso Cannizzaro, piazza Cairoli, viale S. Martino e S. Cecilia, dove i bambini del Piccolo Coro Antoniano “Placido Vitale” canteranno il tradizionale Inno a S. Antonio. Al termine della Processione, il Vescovo Ausiliare terrà il suo discorso conclusivo e benedirà i devoti e i pellegrini. Alle 21, saranno accese a ritmo di musica le luminarie artistiche seguite dallo spettacolo di fuochi pirotecnici in piazza Annibale Maria di Francia; alle 21.30, concerto delle Bande musicali Giuseppe Verdi di Faro Superiore e gli Amici della Musica di Larderia.

Cesare Giorgianni

Lascia un commento