Natale e dintorni / Riposto: pranzo della “Officina solidale” per 30 indigenti

0
77
volontari associazione Officina solidale

Un momento di calore e di condivisione comunitaria. Questa l’atmosfera all’Istituto ‘San Vincenzo Pallotti’ di Riposto in occasione del ‘Pranzo di solidarietà’, organizzato lo scorso 24 dicembre. Una trentina le persone che hanno raccolto l’invito delle parrocchie ripostesi ed hanno partecipato all’iniziativa.
Le suore Pallottine hanno messo a disposizione il salone dell’Istituto, allestito per l’occasione dai volontari dell’associazione Officina Solidale.

“L’idea è nata dalla voglia di creare un’occasione di condivisione e di inclusione sociale in un momento dell’anno che purtroppo non è per tutti sinonimo di serenità e calore – spiega Placido Laudani, presidente dell’associazione Officina Solidale. È la prima edizione di un’iniziativa che intendiamo riproporre alla nostra comunità, e che si rivela sempre molto generosa per chi ha bisogno di sostegno. pranzo solidale

Solidarietà di tanti per il pranzo di Natale

A tal proposito ringrazio tutti coloro che l’hanno resa possibile. Dall’azienda che ha messo a disposizione il pranzo, al panificio che ha donato il pane. Senza dimenticare tutti coloro che hanno contribuito con una donazione all’acquisto delle bevande, dei dolci e dei piccoli doni per i bambini”.
Un’occasione di festa per la comunità che si è dimostrata, ancora una volta, pronta ad accogliere, in un clima di serenità familiare, persone sole e in difficoltà.

A raccogliere l’invito dell’associazione Officina Solidale anche il sindaco di Riposto, Enzo Caragliano, e l’on. Davide Vasta, deputato all’Assemblea Regionale Siciliana.
“L’iniziativa era priva di colori politici perché riteniamo che la solidarietà non ne debba avere – prosegue Placido Laudani – Ringraziamo il primo cittadino di Riposto Enzo Caragliano per essere passato a porgere i propri saluti e quelli dell’intera amministrazione comunale. E l’on. Davide Vasta, che si è fermato e ha condiviso con noi e con le famiglie il pranzo.

Si è creata davvero una bella atmosfera e ne siamo lieti. Questo è stato il nostro primo evento ma contiamo di organizzarne di nuovi nei prossimi mesi. La nostra associazione – conclude – è aperta al contributo di tutti. Quindi, invitiamo chiunque voglia farlo a prendere parte attivamente alle nostre iniziative”.

Print Friendly, PDF & Email