Santa Venerina / “Mille volti tra il bianco e il nero” di Nino Mammino, mostra nella pasticceria “Russo”

Ad impreziosire le pareti della rinomata pasticceria-bar “Russo” di Santa Venerina ci pensano i “Mille volti tra il bianco e nero” di Nino Mammino. L’esposizione propone diversi ritratti di personaggi comuni e celebri eseguiti a matita e carboncino.

Nino Mammino ha cominciato a vivere la sua passione sin da adolescente e, a causa degli impegni lavorativi di imbianchino, ha scelto di dedicarsi totalmente al suo lavoro, interrompendo così per diversi anni la sua attitudine artistica. A risvegliare la sua passione hanno contribuito le matite regalategli, qualche anno fa, dai tre figli, esplicito invito a ricominciare. Da allora l’autore autodidatta ha ripreso a disegnare diversi ritratti per iniziativa personale e anche su richiesta.

Nino Mammino e i suoi ritratti
Nino Mammino e i suoi ritratti

Osservando i suoi disegni, la somiglianza con i soggetti raffigurati risalta tanto che non si può fare a meno di riconoscere il dono naturale ricevuto da Mammino. I suoi ritratti, infatti, rivelano un’accurata attenzione per i particolari disegnati e ne evidenziano la sua precisione e serietà. Invitato a mettere a disposizione delle attività parrocchiali queste sue capacità, egli continua a trasmettere ben volentieri la sua competenza ad altri. Anche in occasioni di feste patronali, l’autore ha ritratto immagini sacre e le ha donante alla chiesa. Tra i volti più noti esposti nei locali della pasticceria-bar “Russo”, emerge quello di Maria Grazia Cutuli, nota giornalista siciliana assassinata in Afghanistan nel 2001, del cui ritratto l’autore ha fatto dono alla famiglia. Si fanno spazio, tra i personaggi celebri, volti di gente del luogo, che suscitano così l’affettuosa ammirazione delle persone ritratte.

Diverse sono le sue partecipazioni alle manifestazioni pubbliche locali, come la recente “EnoEtna”, evento annuale, promosso dal Comune di Santa Venerina, per valorizzare il settore enologico e le produzioni artigianali locali. I suoi lavori sono stati apprezzati anche da turisti stranieri che ne hanno fatto richiesta, dando all’autore la possibilità di essere stimato anche fuori dal contesto locale.

Il cliente, grazie alla calorosa accoglienza ricevuta dall’équipe della pasticceria-bar “Russo” e all’emozione provata nell’osservare i “Mille volti” di Nino Mammino, si ripromette in cuor suo, di farvi presto ritorno.

Giusy Spina

Print Friendly, PDF & Email