Tendenze / Gli italiani sempre più intraprendenti: il 65 % crea progetti con le proprie mani. Il Sud è “bricolage”

In Italia cresce l’interesse per il fai da te: secondo l’indagine di ManoMano.it, oltre un terzo degli italiani ripara da solo i guasti casalinghi e il 65,8% crea progetti con le proprie mani. La regione più bricolage è la Calabria.

ManoMano.it, il più grande eCommerce di bricolage e DIY (do it yourself) in Europa, ha realizzato un sondaggio per 86515018indagare la propensione al fai da te degli italiani. Sono emersi modelli diversi a seconda delle zone, ma in generale c’è un crescente interesse per l’home made. Questa nuova tendenza, infatti, non solo permette di risparmiare in un periodo di crisi, ma aumenta anche la gratificazione per la creazione di prodotti con un ‘valore affettivo’ aggiunto. Così oltre un terzo degli intervistati (il 69,4%) dichiara di occuparsi di bricolage e/o della riparazione di piccoli guasti casalinghi, il 65,8% dichiara di creare oggetti e progetti con le proprie mani.

“Il desiderio di creare o riparare un oggetto con le proprie mani soddisfa due esigenze fondamentali: – sottolinea Philippe de Chanville, co-fondatore di ManoMano – da una parte l’opportunità di risparmiare sull’intervento di tecnici, utile in un momento come questo in cui è indispensabile eliminare le spese superflue; d’altra parte, riparare un oggetto conferisce all’oggetto stesso un valore maggiore, per l’investimento di tempo e fatica che accresce la sua preziosità, come nel concetto di kintsugi caro alla tradizione giapponese. Purtroppo in Italia ancora non si approfitta appieno delle realtà online, che permettono un ulteriore risparmio economico e un’amplissima scelta”.

L’area italiana con più propensione al bricolage è il Sud, con l’86% di appassionati di fai da te, seguita dal Centro (72%) e infine dal Nord (51,5%). La regione che spicca su tutte è la Calabria (con il 100% degli intervistati che dichiara di occuparsi delle riparazioni domestiche e di fai da te), mentre il fanalino di coda che chiude la classifica è il Piemonte (solo il 42,8% si dedica al bricolage). Gli ambiti più gettonati per le riparazioni casalinghe e i progetti di bricolage sono quelli più tradizionali, dal montare i mobili (86,3%), al giardinaggio (60,8%) e alla decorazione (56,9%), ma quasi la metà degli intervistati si occupa anche di riparazioni di idraulica ed elettricità.

Il kintsugi o kintsukuroi è l’arte giapponese di riparare con l’oro gli oggetti in ceramica andati in frantumi. In questo modo ciò che si rompe non viene accantonato o gettato ma acquista un grande valore. Tra chi ama creare oggetti e progetti con le proprie mani, le tecniche preferite sono la lavorazione del legno (56,3%), le ristrutturazioni (33,3%) e il decoupage (31,3%), mentre sono meno esplorare ceramica (6,3%) e modellistica (12,5%). Di conseguenza, il materiale più utilizzato è il legno (70,8%), seguito da pitture ed elementi decorativi (56,3%) ma è diffuso anche il recupero di materiali di scarto (47,9%), evidenziando una propensione al riuso che ben si sposa con le nuove istanze green ed ecologiste.

Con 25.000 vendite online mensili, più di 1.700.000 milioni di visitatori unici al mese, oltre 428.000 clienti finali, 357 partner commerciali e 500.000 referenze di prodotti fai da te e giardinaggio in Europa, ManoMano è l’alternativa online per l’acquisto di prodotti bricolage. Hobbisti esperti e principianti possono infatti trovare su ManoMano.it una scelta da 5 a 10 volte più ampia rispetto ai normali negozi di bricolage, oltre a un team di 60 collaboratori e un blog di approfondimento.

Print Friendly, PDF & Email